Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Ponte San Matteo, l'opposizione:
"Sindaco attacca perché inadeguato"

"il Sindaco Nicola Cavatorta, incapace di giustificare le sue mancanze nei confronti dei problemi sollevati pubblicamente dai cittadini di San Matteo e delle Frazioni Nord, non trova modo migliore di eludere l’incapacità amministrativa propria e della sua Giunta attaccando a mezzo stampa le forze di opposizione"

Dopo la risposta dell’ex assessore Cesarina Baracca arriva a stretto giro quella di Fabrizia Zaffanella, del PD viadanese con il segretario Stefano Bini e di Silvio Perteghella, portavoce di Viadana Democratica. La questione è quella del Ponte sul Canale Ceriana a San Matteo delle Chiaviche, e la risposta è indirizzata direttamente al sindaco di Viadana Nicola Cavatorta che – a detta dei due – cerca di metterla in caciara per nascondere la propria inadeguatezza.

Mal suggerito da pseudo spin doctor che agiscono nella sua ombra – spiegano Bini e Zaffanella – spiace constatare per l’ennesima volta a partire dal suo insediamento che il Sindaco Nicola Cavatorta, incapace di giustificare le sue mancanze nei confronti dei problemi sollevati pubblicamente dai cittadini di San Matteo e delle Frazioni Nord, non trova modo migliore di eludere l’incapacità amministrativa propria e della sua Giunta attaccando a mezzo stampa le forze di opposizione ed in modo ignobile si permetta anche di indicare nomi e cognomi di persone che ora non hanno e nemmeno mai prima avuto nessuna responsabilità politica ed amministrativa sulla vicenda in questione la cui unica colpa è quella di essere residenti di San Matteo e aver testimoniato insieme ad altri cittadini il proprio disagio.

Si commenta da sola la pochezza di questo gesto, dettato probabilmente dalla delusione di essersi visto rovinato dagli striscioni di contestazione verso il Comune il vernissage con il Presidente Fontana a Viadana. Tale figura si aggiunge anche al patetico tentativo fatto dal Sindaco di zittire palesemente due esponenti delle minoranze durante l’ultimo dibattito pubblico tenutosi a San Matteo.

Oltre ad avere difficoltà ad ascoltare la voce e i problemi sollevati dei suoi cittadini il Sindaco Cavatorta durante le assemblee pubbliche tenutesi nella frazione ha palesato anche notevoli difficoltà a comprendere quanto dichiarato a più riprese dalla Provincia di Mantova, visto che il Progetto di monitoraggio dei 595 ponti di competenza, definito CATASTO SICUREZZA PONTI, è stato deliberato dall’ente ad aprile 2017, in piena epoca di gestione Centro-Sinistra e che grazie a tale progetto attraverso più fasi, la provincia si è dotata di risorse e di uno strumento gestionale finalizzato a predisporre piani di manutenzione a breve, medio e lungo termine per l’analisi delle strutture di sua competenza.

I tecnici della Provincia hanno spiegato che per il ponte sul canale Ceriana si è arrivati a Marzo 2022 perché a tale data è arrivato il turno di competenza per il monitoraggio di tale struttura.

Inoltre le forze di opposizione durante questi mesi non hanno fomentato e fatto credere nessuna cosa sbagliata ai cittadini di San Matteo, in quanto è stata la Giunta Cavatorta che fin dal principio ha fatto credere di interessarsi alla realizzazione di un ponte provvisorio; nessun esponente dell’opposizione in luglio era presente né al sopralluogo né all’aperitivo al bar (ben documentato fotograficamente sulla stampa locale) che si è tenuto con i membri dell’esercito mentre se vogliamo parlare di condivisione e lavorare insieme è ascrivibile ad un Consigliere di minoranza della Provincia di Mantova, che avete ringraziato pubblicamente a più riprese, l’intercessione presso il Ministero della Difesa che ha reso possibile dopo un primo diniego la possibilità che il Genio, se pur a titolo oneroso, realizzi l’opera provvisoria.

Qui entra in gioco la questione economica e la scelta politica di spendere quanto richiesto (200 mila euro?) a favore dei cittadini di San Matteo per realizzare quanto avete fatto credere di promettere. Se come dichiarato in assemblea ai cittadini dal Sindaco le risorse oltre agli 80 mila euro momentaneamente stanziati ci sarebbero e non le si mettono è perché politicamente la giunta Cavatorta non vuole realizzare l’opera e l’interessamento in questi mesi è stato solo di facciata.

Le forze di opposizione avendo perso democraticamente le elezioni non possono spendere nessun soldo, tale onore ed onere è solo a discrezione del Sindaco e della sua Giunta; anche se vi rende insofferenti è nostro ruolo democratico controllare il vostro operato ed informare la cittadinanza sulle teoriche soluzioni che avremmo adottato se fossimo stati al vostro posto e questo è quello che abbiamo fatto quando sulla base delle risultanze dell’ultima assemblea pubblica vi abbiamo invitato a mezzo stampa, a riconsiderare la vostra scelta politica data la pericolosità della viabilità alternativa e la stagione invernale alle porte, valutando nella fattibilità complessiva congiuntamente sia i costi di costruzione del nuovo manufatto già stanziati dalla provincia che i costi di realizzazione di un ponte provvisorio parallelo ricercando i finanziamenti necessari anche presso enti superiori“.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.