Nazionali
I commenti sono chiusiCommenta

Ucraina, Russia punta su droni iraniani Shahed: caratteristiche

(Adnkronos) – La Russia intensifica i raid con i droni iraniani Shahed, l’Ucraina si prepara ad affrontare un “attacco prolungato”. Da Kiev, il presidente Volodymyr Zelensky avverte: Mosca punterà ancora di più sui droni forniti da Teheran. L’arma, ora sempre più sotto i riflettori, è salita alla ribalta ad ottobre, quando le forze armate ucraine hanno ‘presentato’ i droni Shahed. “Il nemico ha usato droni iraniani, modello Shahed-136, lanciati dal territorio della Bielorussia e contemporaneamente dalla Crimea occupata”, si leggeva in una nota dello Stato Maggiore ucraino pubblicata su Facebook. Da allora, i velivoli – che hanno un costo relativamente contenuto – sono diventati sempre più presenti nelle azioni di Mosca, in particolare nei primi giorni del 2023. 

“I droni Shahed-136 sono munizioni vaganti. Le loetering munition a livello tattico hanno più o meno le stesse caratteristiche”, ha detto all’Adnkronos Tiziano Ciocchetti, analista militare di difesa online. I droni Shahed-136 sono piccoli veicoli aerei senza equipaggio (UAV) progettati per eludere le difese aeree e colpire bersagli a terra dopo averli individuati. 

Il drone – lungo circa 3,5 metri, con apertura alare di 2,5 metri e velocità di 180/190 km orari – ha una caratteristica forma a delta con la fusoliera, dove si trova la testata esplosiva, direttamente integrata nelle ali, ai cui margini si trovano gli stabilizzatori. Le prime segnalazioni relative all’uso del drone iraniano risalgono a settembre 2022, quando un velivolo è stato abbattuto nei pressi di Kupiansk. 

Perché Mosca punta sempre più sui droni? Dall’inizio di dicembre, si parla del numero ridotto di missili a disposizione della Russia. All’inizio del mese scorso, il capo della direzione dell’intelligence di Kiev, Kyrylo Budanov, affermava che la Russia aveva missili a sufficienza per diversi raid contro l’Ucraina, tuttavia precisando che “la scorta di armi ad alta precisione nella Federazione Russa” era “già in fase di esaurimento. Hanno raggiunto da tempo il minimo critico”.  

Nelle ultime ore, Kiev ha evidenziato la nuova strategia attuata dalla Russia: Mosca utilizza i droni iraniani abbinati a vecchi missili, missili balistici ad alta precisione e missili S-300 ridisegnati in varie configurazioni. “Vediamo l’impatto delle sanzioni economiche sulla Federazione Russa. Stanno cercando di aggirare le sanzioni, portare componenti, ma questo non è così facile da fare”, ha spiegato il rappresentante della direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa ucraina Vadym Skibitsky. 

Skibitsky ha osservato che i russi sono ora a corto di missili balistici Iskander: il numero di missili da crociera lanciati Kh-101, Kh-555 sta diminuendo. Ha anche aggiunto che il nemico ha iniziato a sperimentare una carenza di lanciarazzi multiplo Mlrs (Multiple Launch Rocket System). 

 

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.