Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Piadena, domenica 8 conclusione del
progetto Terra Madre, teatro/creatività

Tutta la comunità è invitata a partecipare a visitare infatti nella giornata di Domenica 8 Gennaio 2023 una installazione che racconta il percorso di questa esperienza

Si terrà nella giornata di Domenica 8 Gennaio 2023 presso le sale dell’Oratorio che affacciano nel chiostro di Piazza Garibaldi a Piadena Drizzona (CR) l’evento conclusivo del percorso TERRA MADRE che per tutto il mese di Dicembre ha visto alternarsi laboratori teatrali e creativi ideati da Alessandro Guglielmi della Compagnia Manintasca.

I laboratori sono stati svolti con la collaborazione della artista svizzera Dunja Bomio Pacciorini e della associazione OfficinaOriginale di Viadana e hanno visto la partecipazione di una ventina di persone di differenti età, sesso, nazionalità, lingua e religione.

Esplorando con leggerezza il teatro e l’artigianato come strumenti di incontro e di connessione. Fortemente voluto e sostenuto dal SAI (Sistema di Accoglienza e Integrazione) del Comune di Piadena Drizzona il percorso TERRA MADRE è stato un primo avvincente e originale esperimento di teatro di comunità e di condivisione creativa nel territorio piadenese. Nessuno escluso. Nessuno.

Tutta la comunità è invitata a partecipare a visitare infatti nella giornata di Domenica 8 Gennaio 2023 una installazione che racconta il percorso di questa esperienza. Un racconto aperto a cui i visitatori potranno contribuire interagendo con l’esposizione di macchine e situazioni teatrali create nei quattro incontri del percorso TERRA MADRE. L’evento di Domenica 8 Gennaio è gratuito e aperto a tutti. La visita dura circa una ventina di minuti e sarà possibile partecipare tra le ore 11 e le ore 13 e tra le ore 15 e le ore 17 nei locali dell’Oratorio di Piadena che si affacciano sul chiostro di Piazza Garibaldi.TERRA MADRE è pronta ad accogliervi tutti. Nessuno escluso.

TERRA MADRE – Il teatro come mezzo di costruzione di una comunità. Necessità e bisogno della contemporaneità, in cui vari fattori sociali determinanoun diffuso senso di isolamento e di poco senso di appartenenza ad una comunità. I processi migratori che popolanole comunità di persone provenienti da culture differenti e con lingue differenti, difficili anni di pandemia che hanno ridotto gli spazi dell’agire in comune e delle attività di aggregazione, la diffusione della cultura digitale e della comunicazione attraverso i social network che consente di connettersi velocemente in un mondo virtuale ma che ha ridotto il tempo dedicato alla vita partecipativa della comunità reale di prossimità, i ritmi di lavoro e di vita molto frenetici che sottraggono tempi ed energie da vivere negli spazi comuni di socialità.

In particolare il progetto si rivolge a beneficiari di protezione internazionale, famiglie con bambini e adolescenti,nuovi cittadini e nuovi abitanti dello spazio urbano con l’intento di agire attraverso la collaborazione ludico-creativa al superamento di diffidenze, tabù e paure per rafforzare e ritrovare un più esteso ed ampio vissuto di comunità.

Dalla lettura di questo bisogno si propone un percorso di teatro partecipato di comunità come appropriato strumento di intervento. Si propone una modalità veloce e di facile e libera fruizione della attività pensata come una esperienza propedeutica da cui trarre informazioni ed elaborare se ritenuto opportuno un eventuale percorso di più ampio respiro in futuro. Una proposta rivolta alla comunità in generale ed in particolare alle nuove generazioni ed ai nuovi abitanti della comunità.

La tematica scelta attorno a cui articolare il percorso e’ quindi “ MADRE TERRA 2023” intesa come una performances teatrale deidicata al 2023esimo immaginario compleanno del pianeta che abitiamo. Pianeta che è madre di tutti noi e terra comune di tutti senza distinzione di età, sesso, religione e lingua. Pianeta che è il dono che le generazioni adulte lasciano ai giovani.

Il percorso e’ pensato come una serie di 4 incontri aperti alla cittadinanza di adulti e bambini residenti nel territorio di PiadenaDrizzona in cui attraverso i linguaggi del corpo e della espressione artistica si creerà un percorso teatrale fruibile poi dalla interà comunità. Si intende dunque durante gli incontri di svolgere attività espressive che daranno vita ad allestimenti teatrali interattivi cui saranno invitati a partecipare in modalità di libera fruizione tutte le persone della comunità di Piadena Drizzona. Il percorso teatrale una volta allestito sarà animato da artisti e attori che avranno condotto il laboratorio,con la possibilità che alcuni dei partecipanti al laboratorio possano affiancarli. Il tema conduttore del percorso drammaturgico sarà “MADRE TERRA 2023”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.