Cronaca
Commenta

Rinaturazione del Po, si
parte: firmato ieri l'accordo

Si tratta di un investimento da 357 milioni di euro che verranno investiti al fine di riattivare i processi naturali e a favorire il recupero della biodiversità

Foto: Paolo Panni

È arrivata ieri dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica l’informativa tecnica che consentirà ad AIPo (Agenzia Interregionale per il Po) di poter contare su una iniziale rilevante quota percentuale di anticipazione, sui complessivi 357 milioni di euro di finanziamento disponibile, per poter avviare tutti gli iter procedurali necessari che porteranno ai bandi di gara e alle successive aperture dei cantieri dello storico progetto di “Rinaturazione dell’area del fiume Po”. Il piano d’azione – redatto dall’Autorità di Bacino Distrettuale del Fiume Po che, proprio in tandem con lo staff tecnico di AIPo, ha recentemente concluso con ottimi esiti di presenze il processo partecipativo sulle diverse zone interessate – è sostenuto dall’Unione Europea grazie al Next Generation EU (NGEU), il programma che prevede investimenti e riforme strutturali al fine di accelerare, tra vari aspetti, la transizione ecologica nel nostro paese.

Si tratta di un investimento da 357 milioni di euro che verranno investiti al fine di riattivare i processi naturali e a favorire il recupero della biodiversità, garantendo così il ripristino del fiume e un uso più efficiente e sostenibile delle risorse idriche, dopo oltre cinquant’anni di eccessiva pressione sulle acque e consumo di suolo oltre a escavazioni nel letto del fiume. “Oltre al rispetto di queste linee guida – ha sottolineato il presidente del Comitato di Indirizzo di AIPo Pietro Foroni – il compito di questo grande investimento, che è anche un’avvincente sfida volta a migliorare la qualità di vita di tutti, è quello di contribuire a mitigare e gestire più adeguatamente il rischio idrogeologico, sia dal punto di vista della prevenzione che dell’adattamento, oltreché di rendere più resilienti le infrastrutture connesse alle risorse idriche”.

Il progetto di Rinaturazione del fiume Po, come anticipato, si inserisce nel più ampio processo della transizione ecologica, uno dei pilastri comunitari sul quale si fonda il PNRR. L’obiettivo è quello di passare da un modello economico e sociale basato sullo sfruttamento intensivo delle risorse ambientali ad uno che, invece, impiega, protegge e valorizza il capitale naturale, ponendolo alla base del modello di sviluppo. “Per tutta la forza-lavoro di AIPo – ha sottolineato il direttore Meuccio Berselli – l’appuntamento con la realizzazione di questo progetto sarà da considerarsi epocale e pur facendo i conti con una tempistica assai ridotta ed in mancanza di una legge speciale, sarà per noi tutti fondamentale riuscire a concretizzare quanto pianificato. Inoltre sarà doveroso realizzare una comunicazione straordinaria, puntuale e periodica per contribuire, in modo chiaro e con trasparenza assoluta, alla sensibilizzazione delle comunità e alla relativa condivisione delle diverse fasi operative dei lavori”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti