Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Da una vecchia soffitta un numero
de Il Regime Fascista del 1928

"Portatemi a Cremona e fatemi processare dai miei concittadini" implorò il gerarca quando fu catturato a Vimercate il 27 aprile del ’45. Sperava che un po’ di quel consenso estorto, ma anche conquistato, gli sarebbe stato in parte “restituito”. Il processo fu invece sommario, come la fucilazione

Cantine e soffitte celano sempre vecchi ricordi che sono pezzi di storia. Un nostro lettore, in questi giorni, rovistando proprio in una vecchia soffitta ha ritrovato una copia, datata sabato 28 aprile 1928, de “Il Regime Fascista – Cremona Nuova”, quotidiano fondato e diretto da Roberto Farinacci, storico segretario del Partito Nazionale Fascista.

Senza entrare in nessun modo in commenti ed osservazioni riguardanti un periodo che è certamente stato tra i più tristi e cupi della storia italiana, ci tratta comunque di una pagina di storia e, come tale, la trattiamo. La copia in questione, che giaceva in mezzo a tante cianfrusaglie, dedicava l’apertura alla tragica morte del generale Alessandro Guidoni (Torino 1880 – Guidonia Monte Celio 27 aprile 1928), ufficiale della Regia Aereonautica tragicamente scomparso in seguito ad un incidente col paracadute.

La mattina del 27 aprile 1928 decise di sperimentare personalmente il paracadute tipo Salvator, il cui funzionamento destava in lui qualche perplessità. Il paracadute non si aprì ed egli si sfracellò al suolo. L’incidente tuttavia non fu imputato al paracadute ma fu, semplicemente, un tragico errore del generale, che non lo indossò correttamente.

Prospero Freri, inventore del Salvator, una volta appresa la notizia della morte del generale Guidoni, si recò sul luogo del sinistro per dimostrare l’affidabilità della sua invenzione. Decise, pertanto, di lanciarsi nel vuoto con indosso lo stesso paracadute del generale; questa volta il paracadute si aprì, dimostrandone così l’efficacia.

Tra le altre notizie trattate quel giorno, le interpellanze contro l’Italia e la probabile crisi ministeriale Jugoslava; la notizia dell’arresto di Bela Kun definito ex dittatore rosso arrestato a Vienna mentre stava preparando una sommossa in Ungheria. Infine un articolo anche sulle trecento mogli di Abib Ullah. I

l quotidiano era diretto, come anticipato, da Roberto Farinacci, gerarca fascista che lo aveva anche fondato. Se è nota, come ricorda la storia, la abilità di Benito Mussolini a maneggiare la carta stampata fin da quando nel novembre del 1914, lasciato l’Avanti! , fondò Il Popolo d’Italia per dare fiato alle trombe di quella frangia di socialisti favorevoli all’intervento dell’Italia nella Prima guerra mondiale, in molti forse non sanno che, non meno del Duce, un abilissimo agitatore di giornali fu quello che gli storici definirono la suocera del regime, il futuro ras di Cremona Roberto Farinacci.

Sulla sua perfetta e oliata macchina del consenso la Biblioteca Statale di Cremona ha ospitato qualche anno fa, la mostra Si faccia un articolo di fondo… “Il Regime Fascista”, Farinacci e il Ventennio a Cremona. Un esemplare spaccato di storia d’Italia, ma ancor più una sorta di “manuale” pratico di costruzione e mantenimento del potere attraverso il sapiente uso di ogni sorta di cassa di risonanza, a partire proprio dalla carta stampata, nella fattispecie il quotidiano cremonese e anche nazionale Il Regime Fascista, creatura del gerarca cremonese, strategico strumento politico utilizzato con veemenza e senza scrupoli per condizionare e orientare l’opinione pubblica, difendere le posizioni della sua parte politica, difendersi dalle tante accuse che gli venivano mosse, ma anche per criticare l’operato di molti gerarchi e persino dello stesso Duce.

Le prove generali di spregiudicato uso della carta stampata, Farinacci aveva cominciato a farle nel 1915 con il periodico interventista La Squilla (nato anche in contrasto e opposizione al socialismo riformista del cremonese Leonida Bissolati) e con La Voce del popolo sovrano a cui seguirono, dopo la fine vittoriosa (benché “mutilata”) della Grande Guerra e all’indomani della costituzione dei Fasci di combattimento in piazza San Sepolcro a Milano, La Voce del Fascismo cremonese e soprattutto Cremona Nuova, trasformatosi in quotidiano agli inizi del fatidico 1922 quando, a ottobre, con la marcia su Roma, Mussolini e il fascismo andarono al potere.

Fu allora che, inesorabilmente, venne messo il bavaglio via via a tutti gli altri protagonisti della scena cremonese che vedeva in prima linea personaggi di rilievo non soltanto locali ma nazionali come il sindacalista “bianco” Guido Miglioli, animatore del movimentismo politico di stampo cattolico e difensore dei diritti dei contadini.

Fumo negli occhi, al pari dei sindacati “rossi”, per quel potere agrario che, in particolare nella Valle Padana, era il principale sostenitore e finanziatore dello squadrismo fascista, vedendo minacciati i propri privilegi dall’ondata di scioperi e dalla diffusione del bolscevismo, dopo quelle operaie anche nelle masse contadine.

In tutto questo complesso e rischioso scenario sociale fu gioco facile per un agitatore e abile manipolatore del linguaggio come Farinacci trovare le chiavi per accattivarsi il popolo attraverso l’orientamento dell’opinione pubblica “a mezzo stampa” e pigiando l’acceleratore sulla macchina del consenso.

Così Cremona Nuova (nome anche della Società editrice fucina del ventennale potere farinacciano) diventò nel 1926 Il Regime Fascista, complice il periodo (poco più di un anno) in cui Farinacci ricoprì la carica di segretario nazionale del Partito nazionale fascista. Dopo Il Popolo d’Italia era il quotidiano di regime più diffuso e autorevole.

A dirigerlo lo stesso Farinacci, forte di una redazione fedele alle sue proverbiali veline (con cui dava istruzioni sui fondi per il giornale), a partire dal cremasco Renzo Bacchetta, redattore e segretario del ras nonché grande appassionato di liuteria, tanto da essere tra gli artefici dell’istituzione della Scuola di Liuteria a Cremona.

E proprio i violini, valorizzandone l’eccellenza con manifestazioni ad hoc, furono un altro strumento (come l’istituzione delle Colonie Padane per i giovani cremonesi in vacanza sul Po) per far risuonare ulteriore consenso politico e sociale e fare di Farinacci una sorta di sovrano assoluto dell’inespugnabile e strategico feudo cremonese.

“Portatemi a Cremona e fatemi processare dai miei concittadini” implorò il gerarca quando fu catturato a Vimercate il 27 aprile del ’45. Sperava che un po’ di quel consenso estorto, ma anche conquistato, gli sarebbe stato in parte “restituito”. Il processo fu invece sommario, come la fucilazione. La macchina del consenso aveva fatto marcia indietro e lo aveva investito.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.