Cultura
Commenta

Biblioteca Bozzolo, dopo il Covid
numeri crescono. Presto il trasloco

Nel 2023, inoltre, la biblioteca festeggerà i 60 anni dalla sua fondazione, avvenuta nel 1963. Tra qualche mese vi sarà il trasloco nella nuova sede, al piano terra del Palazzo dei Principi. GUARDA LA FOTOGALLERY

Dopo il 2020 e il 2021 che avevano fatto registrare un calo di presenze a causa della pandemia, nel 2022 la Biblioteca comunale ‘Mario Miglioli’ di Bozzolo, gestita con personale della cooperativa Charta, ha fatto registrare numeri in crescita su tutti i fronti.

Nel corso dell’anno vi sono stati 61 nuovi iscritti, 32 maschi e 29 femmine, che hanno fatto arrivare il totale a 2068 persone. La maggior parte è di Bozzolo, ma ve ne sono anche provenienti da San Martino dall’Argine e da Tornata, per citare i due comuni con i numeri maggiori. “Dei 61 nuovi iscritti, 39 (quindi più della metà) sono nella fascia 0-14 anni, un dato che dimostra che le attività di promozione alla lettura con le scuole portano risultati anche al di fuori del momento in cui il bibliotecario e i bambini si incontrano. Infatti, spesso succede che siano i bambini a sollecitare i genitori per essere portati in biblioteca per ottenere in prestito libri o per assistere alle ormai tradizionali letture ad alta voce. In biblioteca sono attivi da diversi anni il gruppo di lettura per adulti ‘Via col libro’ e il gruppo ‘Coccole di libri’, che realizza momenti di lettura per bambini da 0 a 6 anni. Il lavoro di questi volontari, soprattutto donne, è prezioso, utilissimo ed encomiabile”, dichiara l’assessore alla Cultura di Bozzolo Irma Pagliari.

Significativo il numero di utenti attivi, ossia coloro che nel corso dell’anno hanno effettuato almeno un prestito. Sono passati da 558 a 616, con l’utenza femminile di gran lunga superiore a quella maschile (413 a 203). Le fasce d’età maggiormente presenti sono la 36-60 anni con 171 utenti e la 7-14 anni con 165 utenti. Di questi, 463 sono residenti a Bozzolo, 30 a San Martino dall’Argine, 15 a Tornata e Rivarolo Mantovano e 11 a Calvatone. “Il servizio viene dunque utilizzato anche da cittadini residenti nei paesi limitrofi, talvolta serviti da una biblioteca locale, talaltra privi di tale servizio, come avviene per Calvatone e Tornata, i cui cittadini per vicinanza gravitano su Bozzolo anche per questo come per altri servizi”, prosegue Pagliari.

Sono aumentati di molto anche i prestiti, che sono passati da 10.888 a 11.882. Se consideriamo le quattro settimane di chiusura annue, abbiamo 990 prestiti ogni mese. “Gli utenti apprezzano la ricchezza delle collezioni librarie, sempre costantemente aggiornate. I libri a scaffale aperto e presenti nel catalogo della Rete Bibliotecaria Mantovana sono poco meno di 28.500. Ogni anno se ne acquistano circa 700 e se ne scartano alcuni particolarmente ammalorati, mentre altri preziosi o importanti volumi, acquistati in anni lontani, sono conservati nel deposito libraio e verranno catalogati in futuro”. Assai apprezzato anche il prestito interbibliotecario, che passa da Bozzolo tre volte a settimana e che ha fatto registrare 4.648 prestiti in uscita e 2.617 prestiti in entrata.

Nel 2023, inoltre, la biblioteca festeggerà i 60 anni dalla sua fondazione, avvenuta nel 1963. Tra qualche mese vi sarà il trasloco nella nuova sede, al piano terra del Palazzo dei Principi, già approntato negli scorsi anni dalla precedente Amministrazione per ospitare questo servizio insieme alla Pinacoteca don Primo Mazzolari, già allestita al primo piano, e agli spazi per esposizioni temporanee, pure al primo piano, che anche la Biblioteca potrà utilizzare per arricchire la propria offerta di servizi.

Per l’acquisto dei nuovi arredi l’Amministrazione comunale si è aggiudicata proprio alla fine dell’anno 2022 un bando del Gal Oglio Po che assegna al nostro Comune 50.568 euro a fondo perduto, il 90% dell’importo del progetto presentato, che prevede un cofinanziamento del 10%. A queste risorse se ne aggiungeranno altre per allestire al meglio la nuova biblioteca.

“Le potenzialità del servizio biblioteca sono molte, ma confidiamo anche nella collaborazione degli utenti e dei volontari interessati a operare nel settore della cultura per arricchire di iniziative culturali la vita della nostra comunità”, conclude Pagliari.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti