Commenta

Bozzolo, trovata svenuta
in casa dopo due giorni:
muore in ospedale

foto-ambulanza_ev

Era stato un intervento rapidissimo e sembrava anche provvidenziale quello effettuato nei confronti di un’anziana signora svenuta in casa a Bozzolo. I Vigili del Fuoco di Viadana, allertati da un vicino di casa che non vedeva la donna da due giorni, erano giunti in via Garibaldi sfondando una finestra raggiunta con una scala in dotazione.

Dentro la stanza si trovava l’anziana immobile, stesa a terra dopo un pesante attacco di vomito. Probabilmente colpita da un ictus, appariva in stato semincosciente e con un lievissimo movimento respiratorio. Questo ha fatto sperare in una ripresa dell’anziana sia da parte dei Vigili sia dei Carabinieri giunti sul posto dopo aver allertato il 118. Con un’ambulanza la signora, Wilma Scipiotti di 80 anni, è stata trasferita urgentemente presso l’Ospedale Carlo Poma di Mantova, dove purtroppo poco dopo è spirata.

Vedova da tempo, aveva perso l’unico figlio 50enne a causa di una grave malattia. Senza altri parenti a parte la nuora e i nipoti che vivono ad Acquanegra sul Chiese, l’anziana viveva da sola nella casa di Bozzolo dove purtroppo nella giornata di martedi si è sentita male senza poter contare sull’aiuto di nessuno. E’ stato uno dei suoi vicini, come detto, ad accorgersi che qualcosa non andava non vedendola uscire da due giorni.

Con una scala l’uomo è salito accanto alla finestra della camera da letto, notando la luce accesa così come pure il televisore. A quel punto ha dato l’allarme, avvertendo i carabinieiri che poi insieme ai Vigili del Fuoco hanno effettuato l’angosciante scoperta. Vilma Scipiotti era molto conosciuta a Bozzolo perché in passato aveva gestito il bar della piazza. Questo pomeriggio i funerali saranno celebrati nella chiesa di S.Trinità in paese.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti