Commenta

Rinvenimento horror
in golena: trovata
chitarra insanguinata

golena3_ev

Nella foto la zona del ritrovamento

Decisamente un rinvenimento macabro e dalle tinte horror, quello effettuato da alcuni cittadini di Casalmaggiore che, all’interno del parco Golena del Po, pochi metri più avanti rispetto al locale estivo La Baia, hanno trovato nei giorni scorsi una chitarra rotta tutta insanguinata.

L’episodio risalirebbe all’inizio della scorsa settimana, ma è stato reso noto soltanto ora grazie alla curiosità (e in parte allo shock) dei protagonisti della scoperta: infatti, ai carabinieri non è arrivata alcuna segnalazione di lite o di percosse, e i militari, avvisati per tempo solo da coloro che hanno trovato lo strumento, si sono limitati a rimuovere l’oggetto, ormai inutilizzabile, e a scoprire, su alcuni gradini della scaletta che conduce ad un casotto in legno, spesso usato per cene in golena, altre tracce di sangue.

Difficile in questo caso fare supposizioni, ma va detto che la zona, di notte in particolare, pur non entrando mai in fatti di cronaca clamorosi, non è frequentata, come si suol dire, da buone compagnie. Si sospetta pertanto una sorta di regolamento di conti molto rusticano, probabilmente per uno sgarbo (qualcuno parla anche di una mancata compravendita di stupefacenti, ma siamo assolutamente nel campo delle ipotesi): certo è che chi si è preso la chitarra in testa non deve aver passato dei bei momenti.

L’oggetto, ormai rimosso e gettato nella spazzatura, secondo i testimoni era completamente scordato e soprattutto con molte schegge di legno, infrante probabilmente dalla violenza del colpo. A giudicare dalle macchie di sangue sullo strumento musicale e sugli scalini, insomma, i colpi sono stati vibrati davvero con violenza. Chiunque sia stato colpito, comunque, dev’essersi medicato da solo: non risultano infatti ricoveri all’ospedale Oglio Po in questi giorni che possano essere ricondotti all’episodio. Ovviamente nessuna denuncia nemmeno ai carabinieri: per questo si sospetta che il gesto sia stato figlio di un movente che entrambe le parti, anche quella offesa, avevano interesse a non far conoscere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti