Commenta

A pranzo con la grande
famiglia di Amurt per
festeggiare il Natale

pranzo-amurt-ev

BUZZOLETTO DI VIADANA – Il modo migliore per dire “Buon Natale” lo ha mostrato Amurt Viadana, che ha organizzato un pranzo riunendo le persone, purtroppo sempre in numero maggiore, che non hanno la possibilità di stringersi attorno alla propria famiglia nella ricorrenza più sentita, per motivi sia economici che di diversa natura, dettati dalla solitudine, dalla disabilità, dalla provenienza da un paese lontano.

Un centinaio di persone hanno così potuto festeggiare un Natale in famiglia, grazie alla disponibilità di Primo Barzoni che ha messo a disposizione il proprio capannone per ospitare l’iniziativa. E anche grazie ai tanti volontari che si sono prestati con entusiasmo, oltre che alle aziende che hanno contribuito offrendo cibi, doni e quant’altro.

«C’è stata una bellissima sinergia con i volontari – conferma il presidente di Amurt Viadana Cosimo De Cillis – e la risposta è stata egregia. Era la prima volta, e qualche dubbio non mancava, riguardo ad esempio alle diverse etnie, alla partecipazione di persone con varie disabilità, invece persone così diverse, che non si conscevano, hanno creato una grande famiglia, e tutti siamno tornati a casa col sorriso sulle labbra. L’obiettivo era quello di creare un contesto familiare per persone che si sentono sole, una famiglia allargata col calore del Natale, e credo proprio che sia stato centrato. Ringrazio davvero tutti».

Dopo il pranzo, è arrivato anche Babbo Natale che col carrettino ha rallegrato soprattutto i più piccoli con doni graditi. A curare l’aspetto musicale ha pensato Gilberto Barbiani con la sua tastiera.

v.r.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti