Commenta

Dramma a Campitello:
40enne muore in casa
intossicato dal monossido

morto-egiziano-campitello-ev

Nella fotogallery, l’abitazione e Abdelsalam Rabie El Saied

Nuovo caso monossido, stavolta purtroppo fatale, sia pur con modalità differenti rispetto ai recenti casi di Viadana e Isola Dovarese. Venerdì 27 dicembre, nel pomeriggio, un operaio egiziano di 40 anni è stato trovato privo di vita sul suo divano danneggiato da un incendio. E’ accaduto a Campitello, frazione di Marcaria.

A dare l’allarme un connazionale della vittima: la sua segnalazione ha favorito l’intervento dei Carabinieri della stazione di Marcaria e del Nucleo Operativo Radiomobile di Viadana. Giunti sul posto, i militari hanno trovato l’egiziano, celibe, immigrato regolare, riverso sul divano. Probabilmente, ma attorno alla vicenda tante cose vanno ancora chiarite, a danneggiare il divano è stato un incendio che si è sviluppato nei giorni scorsi, e che si è poi autoestinto.

I primi accertamenti attribuiscono il decesso ad asfissia causata da intossicazione da monossido di carbonio, senza apparenti elementi di reato. Il Comando dei Carabinieri di Viadana esclude al momento l’ipotesi dolosa dell’incendio: l’immobile infatti ha riportato danni non gravi. Ovviamente le indagini sulla vicenda sono ancora in corso.

Intanto è emerso che il nome dell’uomo è Abdelsalam Rabie El Saied, e sembra che il decesso sia avvenuto addirittura oltre una settimana fa. Infatti i colleghi di lavoro dell’uomo, dipendente alla Mec Carni di Marcaria, affermano che l’ultima volta che lo hanno visto è stato giovedì 19 dicembre. Il magistrato Giulio Tamburini disporrà con ogni probabilità l’autopsia, che dovrebbe chiarire causa e modalità della morte. Nella casa di via Turati a Campitello le pareti sono parecchio annerite, a dimostrare il fumo pesante sprigionato da divano. Va aggiunto che stranamente il frigorifero era rovesciato: un tentativo estremo ed inutile dell’egiziano di alzarsi?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti