Commenta

Verso le amministrative
il Listone lancia
l’assessore al Casalasco

listone_ev

Nella foto la riunione plenaria del Listone di giovedì sera

VICOMOSCANO (CASALMAGGIORE) – Casalmaggiore non può più essere inteso come comune a se stante, ma come traino di un territorio intero, il Casalasco. E Casalmaggiore per il Casalasco, o meglio ancora il Casalasco per Casalmaggiore, potrebbe essere il nome di una lista civica ai nastri di partenza per le prossime amministrative.

Già, perché se sin qui l’idea poteva sembrare buona semplicemente per il lancio di una campagna elettorale, stavolta il progetto prova a passare da un percorso politico più concreto, che il Listone di Casalmaggiore, seconda forza nel 2009 con 2300 voti, intende portare avanti. Giovedì sera durante la riunione plenaria delle cinque commissioni del Listone che nell’ultimo mese hanno portato avanti il programma elettorale, puntando molto su Lavoro e Sicurezza e suggerendo proposte anche per Turismo, Famiglia, Frazioni e non solo, dal quartier generale di Casa Lana a Vicomoscano è emersa proprio questa idea: proporre una figura amministrativa nuova, non ancora esistente a Casalmaggiore, istituendo l’assessorato per le Frazioni e il Casalasco.

Gianmario Magni, sindaco uscente di Scandolara Ravara, aveva suggerito, o meglio caldeggiato, questa possibilità nell’ultimo convegno alla “Festa del Pipèn”: il Listone ha colto al balzo l’occasione. E ha provato a suggerire concretamente come arrivare all’istituzione di questa figura. “L’intenzione” ha spiegato Carlo Gardani “è di istituire una lista civica in appoggio al Listone alle prossime elezioni, che non avrà un candidato sindaco proprio ma che raccogliere ex sindaci o amministratori dei comuni del Casalasco, non più candidabili, che vorranno appoggiare la nostra corsa”.

Non si tratta, secondo Gardani, di una lista “civetta”. “Non è uno specchietto per le allodole per il semplice fatto che una lista così pensata, dato che raccoglie uomini dal Casalasco e non da Casalmaggiore, rischia di non prendere troppi voti e di non fare la differenza a livello di meri numeri. Però è un segnale, un messaggio politico che diamo: da quella lista, per la quale abbiamo già avuto qualche adesione, uscirà se avremo la fortuna e la bravura di amministrare, l’assessore al Territorio, o meglio al Casalasco”.

Il tutto per ripensare il ruolo di Casalmaggiore, che dovrà farsi guida di un territorio: un ruolo che secondo molti (lo disse lo stesso Magni, ad esempio, sempre in quel famoso convegno), il comune casalese ha perso negli ultimi anni. “Come lista civica pura” precisa Gardani “non avremo preclusioni di carattere politico: anzi sarebbe interessante che l’assessore al Casalasco uscisse dalla lista o per merito, ossia a seconda dei voti raccolti, oppure per scelta interna alla lista stessa”.

E’ ancora presto, invece, per il nome del candidato sindaco. “Abbiamo le idee chiare, la squadra è fatta per tredici sedicesimi (sedici sono proprio i candidati da presentare, ndr): ma aspettiamo” spiega Gardani “perché prima vogliamo mettere a punto il programma elettorale. Un programma fattibile, non esagerato, che è già pronto. Ora i nostri tecnici sono al lavoro per associare ad ogni singolo progetto del programma stesso una spesa economica, per capire dove possa essere garantita la copertura e dove invece sarà necessario limare eventualmente al ribasso. Ma questo vogliamo farlo prima, non a elezioni avvenute, proprio perché vogliamo garantire un percorso concreto e realizzabile, senza lanciare fumo negli occhi e promettere sogni, come è già avvenuto in passato”.

Tra i progetti discussi e che andranno ora affinati prima di presentare ufficialmente il programma i primi ad emergere sono la riqualificazione del centro cittadino, la tangenziale (anche con mezzi propri o “piani b”, qualora non arrivassero risposte dall’alto), l’attenzione al lavoro e alla sicurezza anche viabilistica, riprendendo da vicino il progetto di Gasalasco di istituire i 30 km all’ora in pieno centro, ossia nella zona di piazza Garibaldi e delle vie in ingresso e in uscita dalla stessa.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti