Commenta

Carnevale al Rotary
tra i moschettieri e
la voce di Orazio Mori

rotary-carnevale_ev

Nella foto i partecipanti in costume e Orazio Mori mentre canta

VILLASTRADA (DOSOLO) – Il carnevale più bello non è a Viareggio e neppure a Venezia. La località dove ci si diverte di più comincia sempre con la V ma si chiama Villastrada di Dosolo dove regna l’imperatore della cucina Arneo Nizzoli. Presso questo locale da tradizione si tiene l’appuntamento più divertente dell’anno e anche lunedì sera tutta la combriccola del Rotary Club Casalmaggiore Viadana Sabbioneta vi si è recata per una conviviale assolutamente spassosa.

(Quasi) tutti i componenti avevano smesso giacca e cravatta d’ordinanza, presentandosi all’evento in maniera assolutamente irriconoscibile. In particolare i “vertici” Mario Fazzi, Pietro Sganzerla e Massimo Mori si erano bardati come i tre famosi  moschettieri, mentre le signore hanno assunto abiti e acconciature di dame e damigelle dell’800. Ma il prodigio vero e proprio l’ha realizzato il musicista parmigiano Corrado Medioli che, oltre a splendide suonate classiche ed operistiche con la propria fisarmonica, è riuscito a far convincere il baritono Orazio Mori, solitamente restio ad esibirsi in privato dopo una sfolgorante carriera su tutti i palcoscenici del mondo. Questa volta, con una disponibilità ed una cortesia squisita, l’artista casalese ha omaggiato i presenti con un irripetibile brindisi dalla Traviata “Libiam ne’ lieti calici” e un altrettanto indimenticabile “Non ti scordar di me”, con tutti i partecipanti  letteralmente  in delirio.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti