Commenta

Via Brodolini, lite
furibonda per colpa
di un compressore…

caserma_cc_ev

CASALMAGGIORE – Furibondo litigio tra due persone mercoledì pomeriggio nei pressi di un condominio. Il fatto è accaduto attorno alle 17 nei pressi di un condominio di via Brodolini a Casalmaggiore: la lite è stata tanto accesa che sono stati chiamati i Carabinieri. Il diverbio è scattato tra un operaio edile che stava dipingendo una facciata e un condomino che è arrivato con fare deciso iniziando la forte discussione con l’artigiano.

Dalle parole presto si è passati alla violenza fisica, anche se non è stato subito chiaro il motivo della lite. Uno dei due contendenti ad un certo punto ha addirittura impugnato un attrezzo con il quale probabilmente intendeva colpire o almeno spaventare il rivale. Proprio questo particolare è quello che ha spinto i vicini a telefonare ai Carabinieri della vicina caserma, in quanto la situazione si era fatta seria e pericolosa, ed era ormai evidentemente sfuggita di mano.

Da quanto è emerso dopo qualche domanda dei militari, pare che uno dei due avesse accusato l’altro di avergli fatto sparire un compressore. Da qui la reazione, le male parole, gli spintoni e poi una vera e propria scarica di botte. Nessuno ha scherzato, per usare un eufemismo, se è vero che alla fine della colluttazione uno dei due ha rimediato la frattura del dito di una mano.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti