Commenta

Calcio Oglio Po,
tutti in campo: molte
cercano il riscatto

calcio_ev

Terza domenica di campionato (ma per l’Emilia Romagna siamo solo al secondo atto) per i tornei dilettantistici del comprensorio Oglio Po, che come noto quest’anno hanno perso la categoria più importante giocata nel 2013-2014, ossia la Promozione, dopo la retrocessione della Casalese.

Proprio dalla Casalese partiamo: in Prima categoria la giovane squadra di Marco Mantovani non è partita benissimo, uscendo dalla Coppa Emilia al primo turno (nel gironcino) e perdendo all’esordio contro il San Secondo. Il match interno contro i piacentini della Pontenurese può segnare finalmente il riscatto tra le mura amiche della Baslenga in un stagione, dove si cerca la salvezza (e magari qualcosa in più). Restando in Emilia, il Viadana gioca invece una delle più lunghe trasferte del suo campionato, nel girone C di Prima contro il Cavezzo: la batteria delle modenesi, in questa stagione, viene considerata molto agguerrita ma va detto che il Cavezzo, negli ultimi campionati, si è sempre dovuto accontentare di mantenere la categoria. Sarà così anche quest’anno? Per i canarini, come per la Casalese, urge riscatto dopo il ko d’esordio.

Sempre in Prima categoria, l’unica esponente nostrana in Lombardia rimasta è il Psg, che gioca un match terribile in casa della Bassa Bresciana: la squadra di Isorella, appena retrocessa dalla Promozione, è una delle grandi favorite per il salto di categoria, assieme alla Vighenzi peraltro appena affrontata da Maglia e i suoi. I blaugrana, partiti tutt’altro che bene, hanno pagato proprio un calendario difficile in avvio. Arriverà oggi, nel match forse più tosto, il riscatto?

Scendiamo in Seconda categoria, dove il comprensorio Oglio Po vanta ben cinque squadre: nel girone cremonese, il turno non sembra proibitivo per Gussola e Rivarolo. Il team di Cappelli affronta la Sospirese, che solitamente paga partenze in salita per poi riprendersi strada facendo; quello di Stanga invece va in casa della Canottieri Baldesio, neopromossa pericolosa tra le mura amiche, per conquistare il primo successo: considerato il valore della rosa, lo merita. Per la Martelli, invece, il viaggio in casa Torrazzo metterà a dura prova la difesa giallorossa, l’anno scorso tra le peggiori, in quanto il guanto di sfida viene lanciato da uno degli attacchi più prolifici della provincia cremonese. Ma la squadra di Agazzi è partita bene, non ha ancora subito gol e dunque, avendo cambiato registro, può provare il colpaccio.

In provincia di Mantova la Polisportiva Futura, nata dalla fusione di Dosolo e San Matteo, gioca in casa del Borgo Virgilio che ha gli stessi punti ed è nato, anche in questo caso, dall’unione di due società. Partita importante per comprendere le reali ambizioni della squadra di Mirko Faglioni nel campionato in corso: inutile negare che l’obiettivo sono come minimo i playoff. Anche il Pomponesco vuole tornare a sognare in grande: dopo il ko all’esordio nel derby con la Futura, infatti, ha rimediato alla seconda giornata e ora vuole dare continuità. Per farlo deve però superare la capolista Sant’Egidio/San Pio X, per ora unico team capace di tenere testa al Sarginesco, da tutti considerata grande favorita.

Chiude la Cannetese, che gioca in Terza categoria girone A il derby contro il San Martino 1996: gli ospiti sono primi in classifica e sembrano essersi rilanciati dopo il mercato estivo e dopo parecchi anni nel corso dei quali non hanno saputo superare la metà classifica. Un derby che, negli ultimi precedenti, ha sempre detto male ai ragazzi rossoblu, che proveranno però, dopo avere già battuto in casa l’Ariete, a sfatare il tabù.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti