Commenta

Verso Expo, Bozzolo
suggerisce bellezze
a Provincia di Mantova

municipio-bozzolo_ev

Nella foto la piazza di Bozzolo

BOZZOLO – La Provincia di Mantova chiama, nella figura del suo presidente Alessandro Pastacci, e il comune di Bozzolo risponde. Ma lo fa con alcuni appunti, che mirano principalmente a mettere in risalto le bellezze del comune mantovano guidato dal sindaco Giuseppe Torchio.

Un passo indietro: la Provincia infatti ha proposto ai vari comuni, consapevole che gli enti più strettamente legati al territorio conoscono meglio di chiunque altro il patrimonio da valorizzare in ogni singolo paese e città, di aderire al Protocollo di Intesa per lo sviluppo dell’attrattività del territorio in occasione dell’evento Expo 2015. Bozzolo, che ha accolto favorevolmente il ruolo della Provincia come cabina di regia, ha risposta che, nell’accettazione del protocollo, vi sono alcuni passaggi da mettere in risalto.

Come ha spiegato Giuseppe Torchio, coadiuvato dall’Ufficio Tecnico del comune, sono quattro i punti elencati nella risposta a Pastacci, che qui riportiamo e che sondano una realtà ricca di bellezza architettoniche e naturali ma anche, come noto, di eccellenze enogastronomiche. Vediamo nel dettaglio i passaggi presenti nel documento inoltrato, senza però dimenticare di evidenziare che le proposte bozzolesi non sono ristrette ai confini comunali, ma guardano anche oltre, ossia al territorio limitrofo. “1) Le opere artistiche, in particolare i cicli pittorici presenti nei palazzi del distretto sabbionetano (da villa Castiglioni a Palazzo Ducale, Palazzo Giardino a Sabbioneta fino ad alcuni palazzi patrizi di Bozzolo e Rivarolo Mantovano) possono rappresentare un momento significativo di integrazione dei percorsi culturali, artistici e musicali con azioni per la conoscenza, la degustazione e la riappropriazione ‎dei prodotti del territorio e degli stessi ingredienti enogastronomici rappresentati nelle opere d’arte;

2) Al riguardo si attira l’attenzione sull’important‎e rassegna biennale di pittura “Premio Città di Bozzolo” che presenta nell’edizione 2015, in coincidenza con Expo, un tema speculare alla grandiosa rassegna internazionale. Da non trascurare, al riguardo la verifica della disponibilità di personaggi di chiara fama, quali Gino Paoli, artista, presidente della Siae e cittadino onorario di Bozzolo, che potrebbero accompagnare alcuni eventi significativi accompagnandolo con composizioni e canzoni che hanno portato l’Italia nel mondo;

3) ‎L’area interessata al confine con il cremonese é desiderosa di partecipare al processo di integrazione in atto da anni, anche attraverso il Gal, il Consorzio di Bonifica Navarolo ed il Parco Naturale dell’Oglio Sud. I distretti del Pomodoro, Planta Regina (vivaismo)‎ e l’istituendo distretto biologico si collegano ad una forte qualificazione del comparto agricolo di qualità che ha portato al riconoscimento del melone, della pera e del lambrusco DOP, con significative presenze imprenditoriali nell’area del nostro distretto dell’attrattività. Per questi motivi la visita alle più significative realtà zootecniche ed agro alimentari ‎della zona va garantito trovando una gamma qualificata di aziende agricole, casearie, della vendita e della trasformazione ortofrutticola ed enologica, dell’area suinicola e dolciaria. La possibilità di collegare il progetto della Camera di C‎ommercio cremonese a queste realtà va percorso con grande impegno così come va collegata l’attività agro meccanica, presente in particolare a Rivarolo Mantovano con il progetto della Camera di Commercio di Mantova, anche attraverso una mappa della ricettività della zona ed un adeguato supporto di offerta turistica;

‎4) In particolare per Sabbioneta, città Unesco, Bandiera Arancione del Touring, uno dei Borghi Più Belli d’Italia e Città Castellata ma, in generale per tutta l’area, come per lo stesso Pomponesco, gonzaghesco e pure inserito nei Borghi, si pone l’annoso problema dei collegamenti ferroviari, acuito dalla constatazione che sono circa 50 mila i turisti che visitano Sabbioneta senza alcun collegamento con la direttrice Milano-Mantova. Per questi motivi il territorio composto dai dodiici comuni dell’area ha delegato a Bozzolo di pres‎entare istanza di doppia intitolazione della stazione ferroviaria (Bozzolo-Sabbioneta), di chiedere il ripristino dei treni diretti da e per Milano e di presentare alla Provincia di Mantova, alla Regione ed alle Istituzioni l’allegato progetto di continuità automobilistica pubblica, in grado di offrire una risposta all’utenza turistica, lavorativa e sanitaria-assistenziale all’area Bozzolo-Sabbioneta-Ospedale Oglio Po-Viadana-Casalmaggiore. Anche rispetto ad altri bandi in corso ‎sull’attrattività andrà verificata la possibilità di dotare l’area di navette ed autobus adatti allo scopo”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti