Commenta

La teoria dei Gender
anche nei volantini
distribuiti alla Fontana

fontana2-ev

Nella foto di repertorio l’interno del Santuario durante una messa

CASALMAGGIORE – La questione bioetica approda in chiesa, questa volta al Santuario della Fontana. “Non barattiamo i valori autentici della vita e della famiglia” così ha sollecitato giovedì mattina il rettore del Santuario della Madonna della Fontana rivolgendosi ai fedeli presenti in chiesa. Padre Bruno Signori ha invitato poi i presenti a prendere i fogli appoggiati su ogni banco e a diffonderli, portandoli a casa.

Probabilmente lo spunto deriva dalla conferenza tenuta martedì sera a Casalmaggiore dal giurista Gianfranco Amato che molti pareri discordanti ha sollevato. “La teoria dei Gender” si legge nel volantino diffuso in chiesa “è una interpretazione della differenza tra uomo e donna che considera il sesso, cioè la diversità biologica, come un corredo genetico e il genere uomo/donna come una costruzione culturale che si sceglie e si apprende. In pratica i sostenitori del Gender affermano che maschi e femmine si nasce per una differenza sessuale, mentre uomini e donne si diventa per scelta. Una teoria schizofrenica nata tra gli anni ’70 e ’80 nel Nord America dalla contestazione e dal femminismo e approdata in Europa con la formazione dei centri di comunità per lesbiche, gay, bissessuali e transgender (Lgbt) che concordano che ogni società debba definire quali valori additare alle varie identità di genere, in cosa consiste essere uomo e donna e che quindi maschilità e femminilità sono concetti relativi”.

“Considerando queste premesse” prosegue il documento “unite ad un documento europeo dove si sollecitano gli insegnanti a seguire corsi di formazione necessari a migliorare le competenze relative all’educazione all’affettività, al rispetto delle diversità e al superamento degli stereotipi di genere, il rischio è di propagare nelle scuole una concezione non naturale della famiglia, così come l’esigenza di parificare a tutti i costi i generi sessuali ignorando le differenze esistenti”.

Una legge che ha sollevato tantissime critiche da parte di persone che sono insorte contro tale documento, non accettando questa teoria, accusata di voler scardinare il concetto di famiglia naturale, entrando nelle scuole per insinuare la teoria dei Gender sfruttando il clima di questi tempi definiti “pericolosamente confusi”.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti