Commenta

Trovati morti
in casa a Villanova:
intossicati

rivarolo-evid

Nella foto, Vigili del Fuoco e Carabinieri all’esterno dell’abitazione

VILLANOVA (RIVAROLO DEL RE) – Due persone sono state trovate cadavere in un’abitazione di via Porcelli a Villanova di Rivarolo del Re, intorno alle ore 17 di giovedì. La causa potrebbe essere intossicazione da monossido di carbonio. Sul posto, i Carabinieri ed il medico legale. Successivamente sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco. Una vittima è il proprietario della casa Pietro Vezzoni, 74 anni, ex agricoltore in pensione e volontario dell’Avis. L’altra è la compagna Anna Unteanu, 66enne, di origini romene e residente nel cremonese.

I corpi dei due sono stati ritrovati nudi uno sopra all’altro, in bagno, con i due ingressi di casa (uno al civico 5 l’altro al 3) chiusi a chiave. L’intenso odore che a distanza di ore si avvertiva nei dintorni della casa era qualcosa di più di un presagio: come confermato da Carabinieri e Vigili del Fuoco (intervenuti con tuta protettiva bianca e bombole dell’ossigeno), l’abitazione era invasa di monossido di carbonio e i cadaveri erano in stato di decomposizione a denotare un decesso avvenuto qualche giorno prima. La causa della morte verrà verificata attraverso l’esame autoptico dei due cadaveri.

A sorreggere la tesi della morte avvenuta diversi giorni fa, anche l’assenza di Pietro Vezzoni dalle cure terapeutiche a cui si sottoponeva presso l’ospedale Carlo Poma di Mantova che da tre giorni non aveva notizie di lui. Sul posto, sino all’allontanamento di Carabinieri e Vigili del Fuoco, sono rimasti i due nipoti del 74enne.

Rosario Pisani e Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti