Commenta

Per un giorno
Sabbioneta riabbraccia
don Umberto Zanaboni

zanaboni-ev

Nella foto, don Umberto Zanaboni

VILLA PASQUALI (SABBIONETA) – Un autentico bagno di folla per don Umberto Zanaboni, indimenticato vicario di Sabbioneta al tempo di don Ennio Asinari. Fuori dalla chiesa del Bibiena, al termine dei funerali di don Pierino Riccardi, che si sono svolti lunedì pomeriggio a Villa Pasquali, la gente lo ha riconosciuto riversandosi letteralmente su di lui, stringendogli la mano,  abbracciandolo e chi addirittura dandogli baci.

Molti gli hanno allungato buste con offerte per il Santuario di Caravaggio dove si trova attualmente. Un’accoglienza da vecchio curato di paese che il giovane prete si è meritato per la pazienza, la disponibilità, la calma del suo eloquio dimostrate nell’esercizio pastorale. “Ha lasciato un vuoto incolmabile e oggi è come se fossimo tornati a vedere la luce”: ha sussurrato una signora tra la folla, mentre don Umberto si asciugava gli occhi con un fazzoletto, non per la commozione ma per un incipiente raffreddore. La sua arcinota modestia e semplicità non gli consentono di emozionarsi neanche in una situazione come quella dell’altro giorno.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti