Commenta

Calcio Oglio Po,
a Piadena e Cremona
le speranze playoff

calcio_ev

Stavolta sì, dovremmo esserci: dopo una settimana di rinvio totale e due di partite cancellate in corso d’opera, in particolare in Emilia Romagna, dovrebbe essere la volta buona per vedere tutte e nove le portabandiera del calcio Oglio Po in campo. Le nostre squadre sono impegnate in un turno senza derby, dopo che l’ultima fase di calcio giocato (poco per la verità) ha portato più ombre che luci e ha guastato la corsa ai rispettivi obiettivi di quasi tutte le nostre.

Per non mollare e regalarsi nuove chance, ecco dunque che il turno odierno rischia di pesare molto: nel girone A di Prima categoria Emilia la Casalese va a Nibbiano partendo da un baratro. Sportivamente già drammatica, la situazione dei biancocelesti di Mantovani rischia di aprirsi in una voragine verso la Seconda categoria. Penultima in classifica e superata anche dal Rottofreno nell’ultimo scontro diretto, la Casalese si trova a -8 dalla quintultima e dunque deve recuperare almeno 2 punti per aggrapparsi ai playout come ultima spiaggia. Contro il Nibbiano, squadra terza in classifica e per buona parte del girone d’andata capolista, servirà un miracolo o qualcosa di più.

Sempre in Emilia, ma nel girone C, il Viadana di Angelo Boni deve togliersi subito di dosso la ruggine di tre domeniche senza calcio giocato: opposto ai canarini, che giocano in trasferta, c’è infatti il Ganaceto, formazione quart’ultima ma capace di pareggiare spesso (12 volte su 21, è record del girone) e di segnare parecchio (e più dei gialloblu: 26 gol contro 23), dunque insidiosa proprio perché costretta a ricercare punti salvezza. Vincere per il Viadana significherebbe tenere aperta la porta playoff, uno dei pochi obiettivi nobili rimasto al nostro calcio quest’anno.

Tornando alla lotta salvezza e spostandoci in Lombardia, il Psg di Giuseppe Maglia va a Ghedi, sul campo di una neopromossa che ha sposato subito la causa della Prima categoria e si sta togliendo non poche soddisfazioni: la squadra bresciana, reduce dal successo a Ostiano (un favore per il Psg), si trova a soli due punti dai playoff. Il Psg, invece, di punti deve recuperarne tre (magari anche sfruttando la gara da giocare in più rispetto ai rivali) sul Castello Ostiano, oggi primo team in salvo, ossia fuori dai playout.

In Seconda categoria la sfida chiave si gioca a Piadena: diciamo anzi che la Martelli si gioca la stagione nelle prossime due sfide interne. Oggi affronta l’Olmese, attualmente quinta ma troppo staccata dal Sesto 2010 per poter giocare i playoff, mercoledì recupererà il derby col Gussola saltato per errore tecnico dell’arbitro. Solo con un doppio successo sarà possibile coltivare il sogno playoff. Stessa ambizione per il Rivarolo, che con la gara da recuperare (oggi si trova a -2 dal quinto posto) potrebbe scavalcare proprio l’Olmese. Prima però il team di Stanga, oltre a tifare Martelli, deve superare la Sported sul terreno sempre insidioso del Maristella nel match odierno. Resta inteso che pure il Rivarolo deve mangiare 2 punti (o 5 se non vince nel recupero) al Sesto 2010 per entrare nella forbice dei 9 punti. Il Gussola, invece, per ora al sicuro, prova a mettersi definitivamente al riparo da sorprese in casa contro la Baldesio: vincere significherebbe chiudere il discorso salvezza in positivo, ma dopo il ko in casa del Persico Dosimo, non vale la pena fare pronostici. La squadra di Cappelli è capace di tutto, nel bene e nel male.

Il girone N, mantovano, ha di fatto cancellato negli ultimi due mesi le nostre battistrada dal gruppo playoff: tuttavia gli incroci di oggi sono essenziali per uscire o evitare almeno i playout. Il Pomponesco ospita la Robur Marmirolo, che ha gli stessi punti dei blues e del Sermide (21) per un trittico che prova a risucchiare in zona pericolosa il Sant’Egidio/San Pio X (a quota 22). Chi vince prende fiato, perdere metterebbe invece in guai seri. Il Pomponesco peraltro può tifare per la Polisportiva Futura, che gioca a Marcaria contro la Don Bosco in casa della penultima: se Faglioni e i suoi strappano 3 punti, evitano ai blues e alle altri eventuali guai in più, lasciando dietro una delle squadre più inguaiate del girone. La Futura deve ora entrare nell’ottica di chi vuole evitare sorprese negative e inattese, dopo avere anche sognato, prima delle ultime due sconfitte, gli spareggi promozione.

In Terza, infine, continua il campionato a se stante della Cannetese che, lontana da obiettivi gloriosi, prova a ritagliarsi una domenica da protagonista: al “Tazzoli” arriva infatti l’Olimpia 05 capolista del girone A mantovano. Difficile scalfire la miglior difesa del girone, che con 4 punti di vantaggio sulla Cavrianponti non può permettersi passi falsi. Ai ragazzi di Pandolfo il compito di ribaltare il pronostico: sarebbe il risultato più clamoroso della domenica, forse anche della stagione.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti