Commenta

Commessaggio, tutto
il mondo naif in mostra
al Torrazzo Gonzaghesco

commessaggio-ligabue_ev

Nella foto il Torrazzo di Commessaggio e un ritratto di Toni Ligabue

COMMESSAGGIO – Grande attesa per l’inaugurazione della mostra “Il sogno oltre lo sguardo – Viaggio nel fantastico mondo dei naïfs italiani dagli anni Cinquanta ad oggi” presso il Torrazzo Gonzaghesco di Commessaggio prevista per sabato 2 maggio alle ore 17. La giornata si aprirà con i saluti del Sindaco Alessandro Sarasini, del Presidente dell’Associazione Culturale “Il Torrazzo” Ettore Sarzi Amadè e della Commissione Cultura con Marcella Luzzara. Inoltre interverranno Enrico Pirondini (Prima Pagina), Tiziano Soresina (La Gazzetta di Reggio) e Simone Terzi (Museo Nazionale delle Arti Naïves “Cesare Zavattini” di Luzzara).

Questa mostra, formata da un imponente numero di pezzi, provenienti da una raccolta privata, iniziata negli anni ’70, rappresenta l’occasione per compiere un viaggio nello straordinario panorama dell’arte naïf. A illustrarla al pubblico, anche grazie a un importante catalogo, sarà una parte di quella sterminata schiera di artisti (definiti come candidi, ingenui, fantastici, nativi) che ha, in parte, iniziato ad operare fin dagli anni ’50. Molti sono ormai scomparsi, ma hanno lasciato un segno indelebile del loro passaggio, altri hanno continuato e continuano ancora oggi a creare nel loro schema espressivo, visionario e poeticamente intenso, mantenendo quel connubio tra artista e pubblico che si alimenta di un respiro fatto di poesia e tradizioni.

Tutto iniziò grazie a Cesare Zavattini, intellettuale a tutto tondo, inserito in un circuito internazionale, che, a partire dagli anni Sessanta, tramite i propri scritti e le proprie iniziative culturali (in particolare l’istituzione di un museo dei naïfs italiani nel proprio paese d’origine, Luzzara), fece prepotentemente uscire l’arte naïve dalla marginalità in cui era rimasta relegata. E infatti passano le mode e le correnti, ma i pittori naïfs, pur tra alti e bassi, sono ancora lì, ancora in grado di entusiasmare con i loro colori sgargianti, le emozioni e la voglia di vivere, espresse attraverso la fantasia più sfrenata. Il naïf resta un movimento, una voce non sopita nel coro dell’arte contemporanea.

All’interno di questa rassegna troviamo artisti che ormai non vengono più classificati semplicemente come naïfs, Ligabue e Ghizzardi, Poltronieri e Nerone, Covili e Leandro, ma è innegabile che alcuni di loro sono presenti in tutte le pubblicazioni italiane e straniere sulla pittura naïf degli anni ‘60/’70/’80. Il Torrazzo gonzaghesco di Commessaggio diventerà dunque, per un mese e mezzo, un antro delle meraviglie, il magnifico spazio espositivo di un patrimonio di 160 opere, prodotte da 140 artisti nel corso della loro carriera. La mostra sarà aperta al pubblico nei seguenti giorni e orari: sabato dalle 15 alle 19.30, mentre la domenica e festivi dalle 10 alle 12.30 e nel pomeriggio dalle 15 alle 19.30. L’evento ha il patrocinio del Comune di Commessaggio e dell’Associazione “Il Torrazzo” con il sostegno del Distretto Culturale “Le Regge dei Gonzaga”, Fondazione Cariplo, Gruppo ambiente “Il Quadrifoglio” e Consulta Economica Casalasco-Viadanese.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti