Commenta

Mattia Russo, videoclip
per il lancio: una voce
“scaldata” dai Musical

https://www.youtube.com/watch?v=cGZTXeow7Xg

Nella foto una intensa espressione di Mattia Russo mentre si esibisce (foto Zarotti)

VIADANA – Dai musical con la Compagnia “Il Vecchio Borgo” di Viadana al grande salto. Non nel vuoto, ma con sacrifici (anche economici) personali e la testa sulle spalle, che comunque non gli vieta di nutrire più di una fondata speranza. Il mondo della musica, si sa, vive di talento ma anche, o forse soprattutto, di fortuna. E allora Mattia Russo, che con la voce esegue melodie virtuose, ha un’ottima base dalla quale partire, chiedendo aiuto ora anche alla Dea Bendata.

Nato a Catanzaro 28 anni fa e trasferitosi a Viadana nel 2001, Mattia cantava anche da bambino “ma come può canticchiare un ragazzino di 10-12 anni in bicicletta o sotto la doccia”. A Viadana, invece, il colpo di fulmine più “serio”. “Ho iniziato a fare l’animatore per l’oratorio viadanese e da lì ho preso parte, con la Compagnia “Il Vecchio Borgo”, a diversi musical, da Jesus Christ Superstar, da sempre il più emozionante, in avanti. Ho poi deciso di lavorare come solista e in seguito a una storia d’amore ho iniziato a scrivere per i fatti miei: ho preparato cinque brani, li ho fatti sentire ad amici ed esperti del settore e tutti erano concordi che “Va come deve andare” era il pezzo migliore”. Da lì una decisione coraggiosa e anche dispendiosa. “Ho investito in prima persona nel primo videoclip, realizzato proprio su quel brano tanto apprezzato. Ho conosciuto alcuni ragazzi di uno studio discografico milanese e ci siamo mossi sul posto per trovare le location, tra Brera e Castello Sforzesco, e la ragazza che mi avrebbe accompagnato nel video. Il tutto con la supervisione del regista Rodolfo Mannara”.

La particolarità, e la forza, di Mattia stanno anche nel fatto di non essere passato dai talent show. “In realtà ci ho pure provato, sia con Amici, che con The Voice, che con X-Factor: si arrivava sempre in fondo nelle audizioni, ma non si entrava mai. Così ho deciso di investire soldi miei, sperando che qualcuno possa notarmi, perché credo di valere o quantomeno credo di meritare una opportunità per dimostrarlo”. Di certo molti fan di Mattia, dopo avere visto e ascoltato il videoclip su Youtube (oltre 2800 visualizzazioni sabato sera), hanno richiesto la copia fisica del cd, che però per il momento ancora non c’è. “Credo inizierò a distribuire quel singolo nei prossimi giorni dagli store digitali, per non fare il passo più lungo della gamba e per fare un investimento di buon senso. I complimenti fanno piacere, per adesso, e spingono ad andare avanti: alcuni sono arrivati anche dalla Svizzera”.

C’è un cantante al quale ti ispiri? “Nessuno in particolare, anche perché sono convinto che la musica sia molto emotiva: io la ascolto in base all’umore e alle fasi del giorno. Credo nell’ispirazione più che nel genere musicale in sé, e infatti ascolto un po’ di tutto. Facendo musical in tutti questi anni, poi, ho sempre apprezzato la componente emozionale legata a un brano o ad un’opera. E ora mi sono messo in gioco come solista”. In attesa di una svolta, cercata con caparbietà e sicurezza nei propri mezzi. Anche trovata? Questo lo vedremo. In fondo, per dirla con Mattia, va come deve andare…

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti