Commenta

“Surreale vedere passare
ambulanze e polizia
sotto casa”

nicolini-ev

Nella foto, Valeria Nicolini

CASALMAGGIORE/PARIGI – “Io sto bene, fortunatamente ieri sera non sono uscita ma l’attacco al ristorante è successo a dieci minuti da dove abito e proprio per quella zona ci sono passata una settimana fa. Non oso immaginare se l’attacco fosse successo sabato scorso!”: parole scritte sabato in tarda mattinata, via web, dal X arrondissement, dove vive da tre mesi Valeria Nicolini, 21enne casalese in Erasmus alla Université Paris-Sorbonne.

Il liceo a Casalmaggiore, il Classico al ‘Romani’, poi la scelta dell’Università Cattolica di Milano, facoltà di Scienze Linguistiche e Relazioni Internazionali. Qui, matura la decisione di intraprendere l’esperienza Erasmus alla Sorbonne di Parigi: partita a settembre, Valeria tornerà in Italia a gennaio. A Casalmaggiore la aspettano un sacco di amici, che in queste ore non si sono dimenticati di scriverle, di far sentire il proprio sostegno in un momento fatto di lontananza e preoccupazione: “Sono stati tutti così gentili e premurosi”. “Sono un po’ spaventata ma più che altro devo ancora realizzare…”: scrive Valeria.

“Mi sembrava surreale vedere passare di corsa ambulanze e polizia sotto casa! Ho amici che vivono vicino alle altre zone e hanno potuto sentire i colpi da casa!”. “Anche il forum des Halles è stato attaccato – prosegue Valeria – e io passo di lì ogni giorno con l’autobus per andare all’università. Posso dire che sono ancora un po’ sconvolta e incredula”.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti