Commenta

Bozzolo, code infinite ai passaggi a livello Torchio: “Tribunale”

coda-bozzolo-treni-notte_ev

Nella foto scattata da un bozzolese le code a Tezzoglio

BOZZOLO – Non smette di fare discutere il doppio passaggio a livello presso il comune di Bozzolo, che nel tardo pomeriggio di giovedì ha fatto registrare attese da record: oltre mezzora ai due passaggi a livello, del centro e di Tezzoglio, con code che sono così giunte oltre la Badia e fin quasi al ponte sul fiume Oglio, mettendo così in crisi anche il traffico stradale, tenendo conto che, in particolare sul secondo dei due passaggi a livelli, il traffico su asfalto arriva fin sulla Cremona-Mantova, molto trafficata e dunque pericolosa.

Dopo avere ricevuto segnalazioni da parte di commercianti e operatori della zona e tenendo conto che questa volta in coda, bloccati per 40 minuti, vi era pure una pattuglia dei locali carabinieri, il sindaco Giuseppe Torchio, come si suol dire, a mali estremi ha risposto con estremi rimedi. “Penso che a questo punto – ha spiegato il sindaco sul proprio profilo Facebook – sia legittimo mettere in rete il numero telefonico del DCO di Greco Pirelli, a Milano preposto ai passaggi a livello della ferrovia Mantova-Cremona-Codogno-Milano: 02-63713218. Si tratta di chi a Milano comanda i nostri passaggi a livello. Spero che qualcuno abbia la decenza di dimettersi”.

Lo sfogo del primo cittadino non finisce qui. “Quelli delle Ferrovie sono responsabili dell’incolumità delle persone che sostano sulla Padana Inferiore, in mancanza di qualsiasi segnalazione – tuona Torchio – . Stanno cercando in ogni modo l’incidente”. “La vostra – insiste Torchio rivolgendosi direttamente a chi lavora per le Ferrovie – è incoscienza, è delirio di onnipotenza, è volontà di fare del male alla povera gente, ai lavoratori, ai pendolari, a chi si sposta per cure ai suoi cari nei luoghi della sofferenza. Non accetteremo questi continui soprusi e ne risponderete penalmente e civilmente nelle aule giudiziarie. Sono i segni evidenti di una Regione matrigna e di uno Stato a pezzi dove l’arbitrio di qualcuno, lo strapotere corporativo soffocano la gente che lavora nelle sue normali e quotidiane relazioni. Mi chiedo dov’é la dignità della politica se queste tragedie quotidiane non hanno più nemmeno il valore di uno straccio di interrogazione in Regione o al Parlamento”.

Infine il passaggio forse più inquietante, ma al contempo più forte. Dato che i passaggi a livello bloccano la strada, presto un gruppo di cittadini, intenzionato a farsi giustizia da solo, potrebbe vendicarsi bloccando la ferrovia. “Tutto mi fa pensare che presto succederà” spiega Torchio. Ricordiamo che il comune di Bozzolo ha già promosso una class action, che continua a raccogliere firme: la situazione potrebbe dunque arrivare in Tribunale in tempi non troppo lunghi.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti