Commenta

Ponte di Loccarolo a rischio stabilità: presto una soluzione

ponte-loccarolo-ev

Nella foto, il sopralluogo al ponte di Loccarolo

BOZZOLO – Separato da qualche centinaio di metri di strada arginale dalla località Tezzoglio, approdo fluviale su‎ll’Oglio, celebre per le riprese del film “Novecento” di Bernardo Bertolucci, sorge l’ormai centenario ponte in ferro del Loccarolo, portato agli onori della cronaca dal passaggio della Greenway dell’Oglio che, con un percorso di 300 chilometri collega Adamello e Tonale alla confluenza dell’Oglio in Po a Torre d’Oglio. L’armatura in ferro che sorregge il manufatto comincia a manifestare il segno dei tempi e ripetutamente comune di Bozzolo, Aipo e Parco Oglio Sud hanno avvertito la necessità di mettere in sicurezza il percorso. Nei giorni scorsi il sindaco Giuseppe Torchio, accertato il degrado della parte strutturale sinistra del Ponte che attraversa il colatore Delmona Tagliata, a causa di una forte erosione dovuta al trasporto idrico e ligneo, dopo avere consultato il Dirigente Aipo ingegner Luigi Mille ed avere ricevuto disposizioni scritte ad inizio settimana ha provveduto a rimuovere la cartellonistica stradale per il passaggio di carichi fino a 6 tonnellate ed a consentire solamente il traffico ciclo – pedonale.

Nella mattinata odierna comune di Bozzolo ed AIPO hanno convocato un incontro con Parco Oglio Sud, Gal Oglio Po, comune di Calvatone, Consorzi di Bonifica Dugali e Navarolo ed il Consorzio Stradale Vicinale interessato. Il sopralluogo ha visto la partecipazione di Cristian Morganti e dell’ingegner Marcello Moretti di Aipo, del sindaco Giuseppe Torchio con il consigliere Giancarlo Magni ed i tecnici Mario Braga e Massimo Dal Miglio, del direttore del Parco Oglio Sud avvocato Carlo Brambilla anche in rappresentanza del Gal, del direttore Sergio Conti e del tecnico ingegner Stefano Antonioli del Consorzio Dugali, dell’ingegner Marco Ferraresi, Direttore del Consorzio di Bonifica Navarolo e del responsabile del Consorzio Strade Vicinali Luigi Pesci.

Durante il blocco stradale e comunque entro fine mese Aipo procederà alla messa in sicurezza delle fondazioni del ponte e al collaudo statico della struttura per verificare il limite della portata. La “cabina di regia” predisposta negli accoglienti locali della Cascina Tezzoglio, grazie al lavoro ed all’ospitalità rurale dei volontari Pietro Pistoni, Andrea Ferrari e Claudio Paganini, ha impegnato tutti gli enti interessati a produrre un partenariato per candidare gli studi progettuali e il rafforzamento strutturale sui bandi aperti o in fase di definizione da parte di Fondazione Cariplo (Brezza) e della Regione. Entro 15 giorni il tavolo di lavoro sarà convocato per verificare gli sviluppi degli interventi e fare il punto operativo.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti