Commenta

Viadana, Pd chiede i costi
del pattinaggio. E precisa:
"Giunta prosegue nostro operato"

In particolare il Pd presenterà una interrogazione nel prossimo consiglio comunale del 30 marzo. Il tema è la pista di pattinaggio attiva fino allo scorso febbraio e per tutto il periodo invernale, contestata non tanto per la finalità ludica quanto per i costi, rimasti oscuri.
comune-viadana_ev

VIADANA – Doppio intervento del Partito Democratico di Viadana, nella figura del capogruppo Nicola Federici, sugli ultimi interventi della giunta comunale guidata da Giovanni Cavatorta. “Leggiamo dai giornali che maggioranza leghista continua il lavoro di confermare quanto di buono fatto in passato – spiega Federici attaccando con ironia – . Nel 2014 era stato siglato la prima convenzione con Interflumina perché aveva chiesto spazi per poter allenare anche a Viadana alcuni ragazzi visto che l’amministrazione aveva fatto asfaltare e sistemare la pista di atletica. Solo poche settimane fa abbiamo letto che questo accordo è stato rinnovato: speriamo che l’Interflumina, come già sta facendo un’altra associazione di Triathlon viadanese, torni ad utilizzare le strutture del Bertolani. Fatto sta che la verità è che la convenzione è stata fatta per un solo scopo, partecipare al bando regionale dove tra i requisiti era necessario avere una associazione sportiva che avesse in convenzione la struttura con accordo fatto nel 2016”.

“Ben venga la partecipazione a bandi dove si riqualifica lo stadio Bertolani (da anni era nel piano delle opere triennali ma non si erano mai trovati i fondi) – precisa Federici – ma ci chiediamo se è proprio necessario un aumento dei costi con una copertura di un campo polivalente in erba sintetica? O forse Viadana, oggi, ha altre priorità? Vedi il palasport o struttura alternativa per le squadre quotidianamente obbligate ad emigrare fuori o comune, o per esempio fondi in più per asfaltare le strade”.

Secondo il capogruppo Pd la giunta ha ripresa un’altra tematica cara all’allora giunta Penazzi. “Sempre in continuità con il passato è stato rinnovato pochi giorni fa “il protocollo d’intesa per la sicurezza Urbana” con la Prefettura, accordo fatto da Penazzi e rinnovato da Cavatorta perché giustamente è giusto che dopo un cambio di sindaco si rinnovi la responsabilità. Quello che ci preoccupa è che in progetti di sicurezza tutto tace: noi qualche idea l’abbiamo e nelle prossime settimane andremo a proporla”.

Il secondo intervento, invece, riguarda una interrogazione che il Pd presenterà nel prossimo consiglio comunale del 30 marzo. Il tema è la pista di pattinaggio attiva fino allo scorso febbraio e per tutto il periodo invernale, contestata non tanto per la finalità ludica quanto per i costi, rimasti oscuri, a detta di Federici, anche ad alcuni esponenti della maggioranza, che avrebbero chiesto delucidazioni. “Visto che il comune per il periodo natalizio ha concesso attraverso manifestazione d’interesse il posizionamento di una pista di pattinaggio su ghiaccio all’interno dei cortili del Mu.Vi. con l’utilizzo di strutture esistenti come la Ludoteca – scrive Federici – chiediamo al sindaco e all’assessore competente: il costo mensile per la fornitura dell’energia elettrica che ha sostenuto il comune di Viadana per le bollette relative al Mu.Vi. e al parcheggio interno dove era posizionata la pista di pattinaggio nei mesi da novembre 2014 a febbraio 2016; l’elenco dei costi totali sostenuti dal comune in modo diretto o indiretto per la pista di pattinaggio tra cui, spese per sistemazione, allacciamento impianto elettrico, eventuali altri costi come l’utilizzo degli spazi della Ludoteca, o come spettacoli di pattinatori sul ghiaccio, gonfiali, e le ore che gli operai del comune hanno dovuto dedicare a questo progetto”.

Seguono poi ulteriori domande. “Nel bando era previsto la concessione di immobili comunali come la Ludoteca o è stato pagato un affitto al comune per tale concessione? Se sì, di quale importo? Il comune ha concesso gratuitamente o attraverso convenzioni/patrocini l’utilizzo di posizioni per i manifesti, come quelli utilizzati all’ingresso di Viadana. A quanto ammontano gli introiti del comune per l’occupazione di suolo pubblico da parte della pista di pattinaggio? Il comune ha richiesto all’associazione che ha gestito la pista di pattinaggio un bilancio di entrate ed uscite, riferite all’attività in oggetto, per capire come sono stati gestiti i soldi pubblici, per capire a quanto ammontano le entrate derivanti da sponsorizzazioni, a quanto quelle di utilizzo della pista di pattinaggio e del bar? Se sì, è possibile farne avere una copia a tutti i capogruppo in consiglio comunale?”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti