Commenta

Stessa malattia, stesso destino:
Fabio Cimardi si è spento
come la sorella Annamaria

L'ipertensione polmonare primitiva è la causa del decesso dei due fratelli. Il 50enne, fornaio, lascia moglie e figlio.
cimardi-ev
L'ospedale di Carpi e Fabio Cimardi

CASALMAGGIORE/CARPI (MO) – Stesso triste destino per due fratelli morti in giovane età a distanza di poco tempo per la stessa rara malattia. Era il giugno del 2011 quando il paese si strinse attorno alla famiglia di Annamaria Cimardi infermiera di Casalmaggiore deceduta all’età di 37 anni per una ipertensione polmonare primitiva. Adesso il ricordo di quella triste vicenda, riaffiora perché il 31 marzo, due giorni fa, il fratello Fabio è venuto a mancare alla stessa maniera. L’uomo, che aveva 50 anni, si era trasferito a Carpi con l’obiettivo di realizzare il suo sogno di fornaio. Purtroppo i sintomi e le caratteristiche della medesima patologia hanno cominciato a manifestarsi con la stessa inesorabile virulenza e anche per lui le cure evidentemente non sono servite. Anzi, nel suo caso, il decorso è stato ancora più rapido limitandone la sofferenza. Annamaria, assieme alla mamma Uga, che l’ha assistita sino all’ultimo, si era sottoposta ad ogni tipo di terapia aiutata anche dall’intera comunità casalasca che per cercare di trovare una soluzione aveva raccolto una discreta somma necessaria per un viaggio della speranza in America. Un viaggio che purtroppo non ha mai avuto inizio perché l’organismo dell’infermiera ad un certo punto non ha più resistito alle cure che le venivano somministrate. Per la mamma un dolore immenso che adesso si ripete con la morte del secondo figlio, spentosi per la stessa causa. Ad occuparsi dei funerali di Fabio Cimardi, che oltre alla mamma lascia nel dolore la moglie Silvia e il figlio Nicolas, l’impresa Mantovani di Casalmaggiore che lunedì alle 14,30 preleverà la salma dalla camera ardente dell’Ospedale di Carpi per trasferirla alla locale Chiesa San Giuseppe Artigiano. Dopodiché il feretro proseguirà per il crematorio di Modena.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti