Commenta

'Noi di Bozzolo'
su Eridanus:
"Scelta perversa"

La denuncia: "Maggiori costi pro-capite per i cittadini, anche in virtù di maggiori chilometri da percorrere oltre all’indennizzo da corrispondere al neo comandante".
piazza-bozzolo_ev
Bozzolo

BOZZOLO – In merito alla questione sicurezza e alla scelta del sindaco Giuseppe Torchio di aderire al progetto Eridanus, interviene il gruppo consigliare ‘Noi di Bozzolo’. “Come cittadini bozzolesi, abbiamo a più riprese segnalato le lacune della nuova convenzione, che sta creando non solo disagi agli agenti, ma soprattutto uno scarso servizio rivolto alla cittadinanza lasciando spesso sguarnito il nostro territorio”. “La nostra denuncia – proseguono i consiglieri Giacomo Resta, Marzio Bologni e Lodovico Fornasari – è arrivata anche in seno al Consiglio Comunale, dove durante un’accesa discussione abbiamo motivato i rischi e le lacune di questa perversa scelta dell’amministrazione bozzolese, nata esclusivamente per poter accedere ad un bando Regionale per accaparrarsi fondi, noncurante dei reali problemi del territorio”.

“A più riprese – aggiunge in gruppo – abbiamo segnalato che Eridanus avrebbe comportato maggiori costi pro-capite per i cittadini bozzolesi, anche in virtù di maggiori Km da percorrere oltre all’indennizzo da corrispondere al neo comandante Stradiotti. Ora a distanza di quasi tre mesi dalla partenza, ci giunge notizia del recesso da Eridanus da parte di Unione Municipia con una plebiscitaria votazione di dieci Consiglieri a favore dell’uscita ed un astenuto, motivando la scelta, in primis per un maggiore aggravio di costi oltre ad un servizio non proprio impeccabile, non per colpa degli agenti. Ora c’è da chiedersi cosa intenderanno  fare il sindaco Torchio ma in primis i consiglieri bozzolesi, che come truppe cammellate,  hanno sempre alzato la mano in Consiglio per sostenere le scelte volute espressamente da Torchio, senza magari conoscere i reali contenuti delle convenzioni votate”.

“Ci rimane la magra consolazione di non essere  l’unica voce fuori dal coro – conclude il gruppo -. Ora, anche altre realtà si stanno accorgendo di ciò che ‘Noi di Bozzolo’ abbiamo  più volte denunciato. Raccomandiamo i consiglieri di maggioranza che vivono a Bozzolo, non come il sindaco Torchio che vive altrove, di ascoltare di tanto in tanto anche le nostre istanza o denunce. Rimaniamo pertanto a disposizione di quegli  amministratori bozzolesi che intendono fare il bene di Bozzolo”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti