Commenta

Furti, truffe, minacce e
guida in stato di ebbrezza:
5 denunce nel comprensorio

L’intervento più importante riguarda Bozzolo, dove è stata notificata una denuncia per furto aggravato a cinque cittadini di nazionalità rumena tra i 26 ed i 34 anni. Questi, nella notte dell’11 marzo, dopo essere penetrati all’interno di una ditta di Rivarolo Mantovano, hanno asportato alcuni oggetti e un mezzo.
carabinieri-ev

BOZZOLO/VIADANA/CANNETO SULL’OGLIO – Raffica di interventi e ben 16 denunce nella giornata di mercoledì per i carabinieri della compagnia provinciale di Mantova. Nel complesso ben cinque interventi sono stati effettuati nel territorio del comprensorio Oglio Po.

L’intervento più importante riguarda Bozzolo, dove è stata notificata una denuncia per furto aggravato a cinque cittadini di nazionalità rumena tra i 26 ed i 34 anni. Questi, nella notte dell’11 marzo, dopo essere penetrati mediante effrazione all’interno di una ditta di Rivarolo Mantovano, hanno sottratto alcuni oggetti dagli uffici ed un autocarro rinvenuto successivamente. Sempre a Bozzolo, altro fatto grave: un 74enne italiano residente nella zona è stato infatti denunciato per minacce aggravate, dopo che, nel corso di una lite famigliare, ha minacciato di morte il figlio 35enne con un coltello.

Nel dettaglio gli altri interventi: a Canneto sull’Oglio, i militari hanno denunciato un 19enne italiano residente in provincia di Brescia resosi responsabile del reato di guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti. Questo, lo scorso 26 marzo, era rimasto coinvolto in un sinistro stradale alla guida della sua autovettura ad Asola ed è risultato, a seguito delle analisi ematiche, positivo alla cannabis indica.

Carabinieri attivi anche a Viadana: un 39enne italiano è stato denunciato per il reato di furto aggravato. Quest’ultimo si era introdotto in un seminterrato asportando una bicicletta, in seguito rinvenuta e restituita al proprietario; sempre a Viadana, è stato denunciato per truffa un 42enne italiano, che, a seguito di una inserzione su un sito internet di acquisti, non ha consegnato un telefono cellulare, dopo averne ricevuto però il regolare pagamento. Durante tutto l’arco del servizio sull’intero territorio provinciale sono state controllate 396 persone, 317 mezzi ed elevate 27 contravvenzioni al Codice della Strada per un totale complessivo di 6.209 euro.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti