Commenta

Andos Oglio Po, presentato
in assemblea il progetto
sulla sorveglianza dei tumori

andos-ev

Domenica 22 magio 2016 il Comitato Andos Oglio Po onlus ha svolto la sua assemblea sociale presso il Castello di San Lorenzo Picenardi tra i punti all’Ordine del Giorno: presentazione del libro Amazzoni da parte dell’autrice degli scatti Marilena Mura; progetto di sorveglianza per i tumori eredo-familiari dott.ssa Mariagrazia Marin; approvazione bilancio consuntivo 2015; approvazione bilancio preventivo 2016; Santa Messa nella cappella del castello.

Dopo la presentazione del libro, da parte della fotografa Marilena Mura autrice degli scatti e da una delle Amazzoni  “Ippolita”, la dottoressa Mariagrazia Marin ha illustrato il progetto “sorveglianza dei tumori eredo-familiari”; Il tumore alla mammella è la patologia neoplastica più frequente nella donna, nei Paesi industrializzati 7 donne su 100 sviluppano questa tipo di tumore nell’arco della vita.

Di tutti i casi  della malattia solo  il 5-10% circa è in forma ereditaria e di questi casi, ¼ è determinato da mutazioni in due geni,  BRCA1 e BRCA2, le quali predispongono all’insorgenza di tumore della mammella (femminili, maschili spesso bilaterali e/o giovanili).

Le donne portatrici di una mutazione nei geni BRCA1 o BRCA2 hanno una probabilità del 47-66% di sviluppare un tumore alla mammella nell’arco della loro vita (rischio della popolazione generale: 10%) se il difetto è a carico del gene BRCA1, del 40-57% se la mutazione è a carico del gene BRCA2 (rischio della popolazione generale: 1%). I soggetti, maschi e femmine, che sono portatori di mutazioni a carico di uno di questi geni hanno il 50% di probabilità di trasmettere il gene alterato ai figli.

All’interno di un percorso di consulenza genetica oncologica, in base a definiti criteri di eleggibilità, può essere proposto e prescritto il test genetico per la ricerca di mutazioni nei geni BRCA1 e BRCA2 sia alla paziente affetta che ai familiari, per una adeguata definizione del rischio oncologico ed una evenutale scelta di sorveglianza e/o prevenzione (sorveglianza intensificata per una diagnosi precoce, farmacoprevenzione, chirurgia profilattica).

Da settembre 2015 la Regione Lombardia offre gratuitamente il percorso di sorveglianza a tutte le pazienti portatrici di mutazione BRCA1/2, sia affette che non. Alla fine di questa relazione il Presidente dott. Claudio Pagliari ha risposte alle domande dei presenti. La segretaria Stagnari Patrizia  ha poi  illustrato ai soci il Bilancio Consuntivo 2015 e Preventivo 2016 approvato all’unanimità e per finire il Presidente ha premiato con la rondine d’oro la responsabile uscente della sezione di Casalmaggiore la Volontaria Feroldi Angela.

© Riproduzione riservata
Commenti