Commenta

Rosina, seconda miglior
stagione di sempre. Ma una
sua doppietta non basta al Bari

Rosina ha segnato due reti anche nella sfida playoff di mercoledì sera al San Nicola tra Bari e Novara: il team pugliese aveva a disposizione due risultati su tre ma non è riuscito a passare il turno dei quarti di finale (unico su gara secca). Pazzesco l’andamento della partita.
rosina-bari_ev
Nella foto Rosina con la maglia del Bari

BARI – Non è bastata al Bari la seconda migliore stagione di sempre, almeno dal punto di vista realizzativo, di Alessandro Rosina. E non è stata sufficiente nemmeno per lo stesso Rosina per tornare a calcare i campi di serie A, che il fantasista classe 1984, nativo della provincia di Cosenza ma “adottato” da Casalmaggiore, ha visto per l’ultima volta a Siena nel 2012-2013.

Rosina ha segnato due reti anche nella sfida playoff di mercoledì sera al San Nicola tra Bari e Novara: il team pugliese aveva a disposizione due risultati su tre ma non è riuscito a passare il turno dei quarti di finale (unico su gara secca). Pazzesco l’andamento della partita: Novara avanti 3-0 in trasferta (tripletta di Gonzalez) e dunque in una botte di ferro dopo meno di 50 minuti di gioco. Poi la riscossa barese firmata da due gol di Rosina (uno su rigore) e dal gol di Puscas. Quando il più sembrava fatto, ecco nei supplementari l’ultima rete, decisiva, del match, siglata dal novarese Galabinov. Bari dunque eliminato: non valgono purtroppo per la promozione in A i 12 gol totali di Rosina, che ha eguagliato le marcature realizzate al Torino 2005-2006 e si è fermato a una sola rete dal record assoluto di 13 centri al Siena nel 2013-2014, score ottenuti entrambi in serie cadetta.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti