Commenta

Vincenzi risponde a critiche:
"Cda Gonzaga pronto. Lega
non collabora? Pazienza"

"Anche se la Lega continua a fare i capricci - risponde Vincenzi - siamo ormai pronti con il cda della Fondazione Gonzaga, che sarà completo, se dall’ATS arriverà l’ok definitivo, entro la prima settimana di luglio. Per quanto concerne invece la Fondazione Braga, non vi è nessun problema".
palazzo-ducale-sabbioneta_ev

SABBIONETA – Risponde alle critiche della Lega Nord locale e rilancia il sindaco di Sabbioneta Aldo Vincenzi, in merito alla questione delle due fondazioni che riguardano sia la casa di riposo Serini (Fondazione Isabella Gonzaga) sia l’asilo nido di Ponteterra (Fondazione Braga).

“Anche se la Lega continua a fare i capricci – risponde Vincenzi – siamo ormai pronti con il cda della Fondazione Gonzaga, che sarà completo, se dall’ATS arriverà l’ok definitivo, entro la prima settimana di luglio. Per quanto concerne invece la Fondazione Braga, non vi è nessun problema, anzi stiamo lavorando benissimo e abbiamo risolto parecchi problemi che si erano palesati negli anni scorsi sull’asilo nido, grazie anche alla collaborazione tra maggioranza e minoranza”.

Sulla Fondazione Gonzaga, come noto, la Lega Nord non ha espresso alcun nominativo: “I due consiglieri di maggioranza da inserire nel cda già ci sono, mentre l’altra minoranza consiliare con spirito costruttivo ha già indicato la propria preferenza. Ora mancano solo le nomine della Regione Lombardia e infine quella dei benefattori, due in tutto. Se la Lega non si esprime, sopravviveremo comunque e ce ne faremo una ragione: il cda saprà lavorare bene anche senza il loro aiuto, però poi non dicano che pensano al bene della comunità”.

Vincenzi svela un particolare nella composizione del cda. “Abbiamo chiesto all’ATS se era possibile mettere a capo della Fondazione un commissario straordinario, ma l’ATS stessa ci ha consigliato di creare un cda nuovo. Così abbiamo seguito questa istruzione, e ormai siamo pronti alle nuove nomine. Mancano solo tempi tecnici, che però stanno per scadere”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti