Un commento

Fioristi improvvisati
bastonati, sorge il
problema per l'amante

Ad interrompere drasticamente la 'professione' dei ragazzi del bangladesh invece è stata una multa salatissima in grado di spezzare le reni anche ad un mulo.
venditore-rose-2

CASALMAGGIORE – Sono spariti i fiori davanti ai Supermercati di Casalmaggiore. O meglio non ci sono più quelle abbondanti proposte di mazzi colorati, che i giovani extracomunitari proponevano davanti agli ingressi delle attività commerciali più conosciute.

Accanto alla Conad, così come nei pressi dell’Eurospin come all’U2, gli stranieri, tutti del Bangladesh, ci sono sempre e sempre i medesimi. Solo che non hanno più fiori tra le mani. Un’improvvisa siccità ha seccato i loro rametti? No, ad interrompere drasticamente la loro ‘professione’ invece è stata una multa in grado di spezzare le reni anche ad un mulo. Tremila euro ciascuno ai due più fortunati (per modo di dire) mentre al terzo è toccato un verbale da seimila euro. Sono loro stessi a raccontare l’accaduto spiegando che ad agire così severamente sono stati uomini della Polizia locale i cui agenti si muovono in relazione ad un regolamento della Giunta comunale che vieta qualsiasi tipo di accattonaggio davanti a luoghi pubblici ed edifici dedicati al culto.

Occorrerà vedere se stare davanti ad una bottega o vicino ad una chiesa con dei fiori in mano possa, prevedere il reato di accattonaggio come le maxi i multe comminate nei giorni scorsi gli extracomunitari lasciano immaginare. Magari si tratta di commercio illegale ma considerando quali fatturati ridicoli vanno a realizzare, forse sarebbe meglio controllare altri tipi di evasione. Adesso questi tre lavoratori del Bangladesh rimangono allo stesso posto senza però fiori in mano accontentantandosi di spingere il carrello della spesa a qualche anziano da cui poi ricevere una moneta in regalo.

Peccato che si stata stroncata questa innocua usanza che qualche volta aveva dato la possibilità ad un fidanzato distratto di recarsi a casa dell’amata con i fiori recuperati all’ultimo momento da uno di questi provvidenziali venditori di strada.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti
  • canacrepa

    era sufficiente bastonarli.Chi paga 3000 e 6000 euro?