Commenta

Oltre 40 chili di amatriciana
e di generosità: Spineda,
successo pro terremotati

La festa è stata favorita da un clima perfetto con una scenografia naturale molto attraente con decine e decine di tavoli e sedie bianche perfettamente allineate sull’erba nell’area sosta dei camper illuminata e invasa dalla musica di Lucio Battisti.
festa-spineda_ev
Nella foto il colpo d'occhio a Spineda prima del via alla festa

SPINEDA – Eccezionale successo della iniziativa benefica organizzata sabato sera a Spineda. La manifestazione “Un’amatriciana per Amatrice”, la località ormai nota per il disastro del terremoto, ha infatti riunito a tavola circa 400 commensali provenienti da tanti paesi attorno. Più di 40 i chilogrammi di spaghetti cucinati, oltre a tre spalle cotte e 50 chili di giardiniera.

La cifra raccolta deve ancora essere quantificata con precisione ma si prevede molto alta, anche perchè ci sono state delle persone che hanno consegnato direttamente nelle mani del sindaco Davide Caleffi somme di 500 e 1000 euro ciascuno. Tale generosità è motivata dalla certezza che i soldi arriveranno direttamente a destinazione poichè lo stesso primo cittadino si occuperà di consegnarli personalmente alla comunità colpita.

La festa è stata favorita da un clima perfetto con una scenografia naturale molto attraente con decine e decine di tavoli e sedie bianche perfettamente allineate sull’erba nell’area sosta dei camper illuminata e invasa dalla musica di Lucio Battisti. Tra il servizio per gli ultimi commensali e la rimessa in ordine dell’area utilizzata, i volontari, tra cui gli stessi componenti la famiglia del sindaco, sono stati impegnati sino alle 3 della scorsa notte. E adesso solo una breve pausa perché il 30 settembre, tra una ventina di giorni, si organizzerà un nuovo evento benefico, “Una pizza per l’Africa”. Altra conviviale di generosità e sentimento questa volta dedicati a Padre Bongiovanni che ai primi di ottobre ripartirà per la Sierra Leone.

Ros pis

© Riproduzione riservata
Commenti