Commenta

La Pomì non fa sconti: con
Firenze facile 3-0 e le rosa
ripartono subito dopo Busto

Casalmaggiore supera 3-0 le toscane senza soffrire troppo. Fabris al solito non sbaglia un colpo e, quando serve, Guerra e il muro fanno il resto: ne esce un successo che fa ripartire la squadra di Caprara dopo il primo ko di Busto Arsizio.

POMI’ CASALMAGGIORE-IL BISONTE FIRENZE 3-0 (25-16, 25-22, 25-18)

CASALMAGGIORE – 1 Bacchi, 3 Lloyd, 4 Peric, 5 Sirressi, 6 Turlea, 8 Gibbemeyer, 9 Bosetti, 10 Gibertini, 12 Guerra, 13 Fabris, 15 Stevanovic, 16 Tirozzi, 18 Susic. All: Caprara. Assist: Bolzoni

FIRENZE – 1 Sorokaite, 2 Brussa, 3 Bechis, 4 Braymova, 5 L. Norgini, 6 Rosso, 7 Enright, 8 Bonciani, 9 Melandri, 10 Parrocchiale, 11 Repice, 12 Pietrelli, 13 Calloni. All: Bracchi. Assist: Cervellin.

Dopo la sconfitta contro Busto Arsizio, la Pomì scende in campo al PalaRadi (oltre 2.800 spettatori) oggi contro il Bisonte Firenze, nella settima giornata di campionato. La sfida è quella di cercare di mantenere la posizione in classifica.

Il primo set parte in modo equilibrato, ma la Pomì mette velocemente la freccia, iniziando ad accumulare distacco. Ottima prestazione di Fabris, che accumula punti, così come Stevanovic,  mentre il muro dimostra qualche debolezza, specialmente Bacchi, consentendo a Firenze di riavvicinarsi. Determinante anche l’ingresso in campo di Anastasia Guerra, che riesce ad accumulare un paio di ace, recuperando i punti di distacco. Fortunatamente Firenze non riesce a contrastare la seconda ondata degli attacchi di Pomì, che chiude il set con 25-16.

Il Bisonte non si scoraggia e nel secondo set parte con grande determinazione, tanto che per la prima metà del set riesce a mantenere un punteggio abbastanza equilibrato, non consentendo alla squadra di casa di prendere il volo. Anzi, ad un certo punto riesce addirittura nel sorpasso, anche se dura poco: la squadra di casa recupera punti e riesce a tenersi un paio di posizioni sopra le avversarie, sfruttandone gli errori e riuscendo a portarsi a casa anche il secondo set per 25-22.

Sull’onda dell’entusiasmo la squadra di casa riprende subito il vantaggio anche nel terzo set, cercando di tenere in scacco le avversarie. Ci pensa Sorokaite a recuperare, con un ace che sigla il 5-5, ma Fabris non ci sta e recupera subito tre punti, collezionando una serie di servizi fortunati. A questo punto la squadra di casa prende il volo e inizia ad accumulare punti senza lasciare respiro alle fiorentine, che in ogni caso provano a giocarsi il tutto per tutto, approfittando di qualche errore da parte della squadra di casa. Poi le rosa si riprendono e il martello Fabris segna punti senza pietà, finché un ace di Lioyd mette la parola fine alla partita, con 25-18.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti