Commenta

Lapidi distrutte a Vicomoscano:
ma non è vandalismo,
solo scarsa manutenzione

Cosa è accaduto dunque? Il peggio è stato scongiurato, nel senso che nessuno, nella notte, ha pensato di sfogare la propria frustrazione sulle lapidi distrutte. Semplicemente, come è stato appurato, le stesse sono franate da sole al suolo, schiantandosi, perché evidentemente non rassicurate a sufficienza alla base.

VICOMOSCANO (CASALMAGGIORE) – Un po’ di pace, almeno per i defunti. Questo almeno chiedono i parenti del caro estinto. E invece, mercoledì mattina, a Vicomoscano, frazione di Casalmaggiore, presso il cimitero, si è temuto il peggio: un atto vandalico, molti hanno pensato, una furia incontenibile che ha messo ko e disintegrato, letteralmente, 4-5 lapidi poste nella parte nuova del cimitero, che pure tanto nuova non è, avendo ormai 30 anni di età.

Non tantissimi, a dirla tutta, ma senza la dovuta manutenzione anche la longevità di determinate strutture rischia di ridursi sensibilmente: in realtà nessun vandalismo è andato in scena. Cosa è accaduto dunque? Il peggio è stato scongiurato, nel senso che nessuno, nella notte, ha pensato di sfogare la propria frustrazione sulle lapidi distrutte. Semplicemente, come è stato appurato, le stesse sono franate da sole al suolo, schiantandosi, perché evidentemente non rassicurate a sufficienza alla base.

Da qui l’allarme lanciato dai primi visitatori del cimitero, per la precisione della parte retrostante rispetto a quella storica, e l’intervento della Polizia Locale di Casalmaggiore, che ha provveduto a transennare la zona mettendola in sicurezza ed evitando intrusioni di vario genere. La luce eterna, peraltro, funziona curiosamente ancora su alcune lapidi distrutte. Evidente il danno, evitabile con ogni probabilità con una migliore manutenzione, come detto. Ma, se non altro, il fatto che non si sia trattato di un raid vandalico è, per quanto possibile, un lieve sollievo.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti