Commenta

Leva 1999, l'arte dell'imbratto
delle strade non si ferma
Fischietti e vernice per tutti

La libertà è riferita principalmente alla possibilità di scrivere sulle strade gli slogan scelti dai giovani in allegra compagnia. Ieri mattina alle prime luci dell’alba tre o quattro giovani sono stati visti a San Martino dall’Argine spingere una carriola per trasportare una maxi lattina di vernice bianca

Mentre Viadana ha posto delle severe limitazioni per contenere l’esuberanza dei giovani che in questi giorni festeggiano il compimento del 18 esimo anno di età (come ad esempio il divieto di portare all’esterno contenitori di vetro per bere), altri paesi hanno lasciato mano libera. La libertà è riferita principalmente alla possibilità di scrivere sulle strade gli slogan scelti dai giovani in allegra compagnia. domenica mattina alle prime luci dell’alba tre o quattro giovani sono stati visti a San Martino dall’Argine spingere una carriola per trasportare una maxi lattina di vernice bianca. Con quella si sono diretti verso i punti scelti del paese dove poter scrivere le loro frasi preferite “C’hai sfamato per 18 anni” si leggeva sull’asfalto difronte ad una nota rivendita di alimentari e poco più avanti un’altra frase un pò meno comprensibile per i non addetti ai lavori. “Dory, buon acquisto!”. I ragazzi di Spineda, essendo solo in quattro gatti, invece hanno deciso di unirsi per i festeggiamenti ai coetanei di Rivarolo Mantovano mettendo da parte le astiosità politiche non curandosi della separazione provocata dall’uscita da Foedus. Pure i neo diciottenni di Bozzolo hanno formato un gruppo per raggiungere senza rischi la discoteca Florida di Lonato dopo un’abbondantissima abbuffata dalla mitica Gianna a Recorfano. Quelli di Spineda, in simpatica maglietta rosa, approfittando del silenzio assenso del sindaco, si sono lanciati verso scritte un pò più filosofiche come “Chiudiamo stò millennio “ oppure “Enjoy stà leva” concludendo con la rivelazione pubblica che Sabri, Marco, Luca e Te erano insieme dal 1999 praticamente dai primi vagiti nelle rispettive sale parto. La pioggia della notte ha in molti casi inibito gran parte dei tracciati rendendo anche questa arte effimera come accade a gran parte delle opere tracciate per terra.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti