Commenta

Croce Rossa, il 25 partono i corsi
d'accesso per volontari, mentre
sede cresce a tempo record

Mentre la costruzione della nuova sede della Croce Rossa di Casalmaggiore avanza a ritmi da record, senza eguali sia nel pubblico che nel privato (a fine novembre, secondo il programma per ora rispettato, si andrà a tetto), prosegue l’attività dell’associazione.

CASALMAGGIORE – La proverbiale lentezza delle attività umane – soprattutto in tanti casi quelle edili – trova la sua più mirabile eccezione nella CRI. Mentre la costruzione della nuova sede della Croce Rossa di Casalmaggiore avanza a ritmi da record, senza eguali sia nel pubblico che nel privato (a fine novembre, secondo il programma per ora rispettato, si andrà a tetto), prosegue l’attività dell’associazione. Il 25 settembre prossimo è previsto l’inizio del corso d’Accesso, la base per chi volesse intraprendere il proprio servizio volontaristico all’interno della CRI. Il corso si suddivide in due parti. Nella prima parte, quella con inizio il 25 alle ore 20 presso la sede attuale, la necessaria infarinatura teorica: si affronteranno tra gli altri argomenti il diritto internazionale umanitario, i ruoli della Croce Rossa, i 7 principi fondamentali, le 4 convenzioni di Ginevra ed i diritti aggiuntivi, la strategia 2020, gli obiettivi strategici, le attività nazionali ed internazionali, emergenze e disastri, il codice etico CRI. Saranno cinque lezioni, che si terranno lunedì, mercoledì e venerdì. La seconda parte tratterà di questioni più di carattere pratico relative alla preparazione per i volontari: primo soccorso, catena sopravvivenza, rianimazione cardiopolmonare, interventi su adulti e su bambini, disostruzione pediatrica, intervento in casi di emorragie, choch, lesioni a caldo e a freddo, traumi, condotta primo soccorso, intervento in caso di malori, attacchi epilettici. Subito dopo il corso d’accesso partirà il corso per la certificazione trasporto soccorso. Un’associazione attiva e superimpegnata su più fronti dunque che avrà presto a disposizione un centro multifunzionale all’avanguardia in Italia. Un’eccellenza per tutto il territorio. Non solo quella strutturale, ma quella fatta da tanti giovani ed adulti volontari appassionati e – quel che conta di più in questi casi – efficenti e preparati.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti