Commenta

Marconi, Cinzia Dall'Asta
risponde: "Nessun
difetto di comunicazione"

"Nessun difetto di comunicazione quindi, nessun ritardo o leggerezza da parte della scuola. Viene sempre richiesta la collaborazione dei genitori"

CASALMAGGIORE – Nessun difetto di comunicazione. L’Istituto Marconi ha fatto tutto quanto possibile per informare i genitori della rottura dell’impianto di riscaldamento e preso tutte le misure necessarie. Ad affermarlo Cinzia Dall’Asta che risponde così al genitore che si era lamentato di non essere stato informato. Questa la risposta integrale della dirigente scolastica: “Lunedì 22 gennaio 2018 la docente responsabile della Scuola dell’Infanzia di turno all’inizio della mattinata, riscontrando che il riscaldamento del plesso risultava spento, si è attivata immediatamente perché i tecnici del Comune fossero chiamati a verificare quale fosse il problema, dopo di che i bambini sono entrati nelle sezioni. Tutti i genitori che accompagnano i figli a scuola la mattina hanno potuto essere immediatamente informati di quello che si era ormai palesato come un guasto dell’impianto di riscaldamento. Molti genitori hanno richiamato nel corso della mattinata e sono venuti a prendere i figli alle h. 13. Ai nonni che si sono presentati a scuola alle h.11,25 è stato detto di decidere in autonomia se portare a casa i bambini o lasciarli a scuola. La Responsabile della Sicurezza dell’ IC Marconi è stata immediatamente allertata e ha disposto adeguate misure di sicurezza: lo spostamento dei bambini presenti nei locali riscaldati della scuola primaria accompagnati e sorvegliati da 9 docenti, 3 tirocinanti e 3 collaboratrici. Solo nel momento della riconsegna dei bimbi ai genitori alcune sezioni erano in salone e i bambini con il cappotto perché appena rientrati dalla scuola primaria. L’unica preoccupazione del personale dell’ IC Marconi è stato quindi assicurarsi che i bambini non prendessero freddo. L’intervento dell’ Ufficio Tecnico per reperire il pezzo guasto dell’impianto è stato tempestivo. Nonostante ciò, solo dopo le ore 16:00 di lunedì è stato possibile determinare che nel corso della mattina successiva sarebbero stati eseguiti i lavori di riparazione. Preparata la comunicazione relativa alla chiusura della scuola, la medesima è stata affissa al cancello dei plessi, diffusa verbalmente ai genitori presenti e pubblicata sul sito istituzionale dell’ IC Marconi. Nessun difetto di comunicazione quindi, nessun ritardo o leggerezza da parte della scuola. Viene sempre richiesta la collaborazione dei genitori per una diffusione più capillare delle informazioni nella consapevolezza, più volte confermata, che alcuni genitori non consultano il sito istituzionale della scuola, pur sapendo che quello è il canale attraverso il quale la scuola può e deve trasmettere le proprie comunicazioni. E’ vero che la scuola non avrebbe potuto fare 180 telefonate (tante quanti sono i bambini della scuola dell’Infanzia) per questo motivo chiediamo, sovente invano, di consultare regolarmente il sito! Per ultimo, il genitore che a tutela del proprio figlio dichiara di dover ricorrere all’anonimato, pensa di lasciare il minore nelle mani di aguzzini pronti a infierire su di lui? Ma come si permette di insinuare ritorsioni da parte delle maestre? Come si permette di affermare pubblicamente che non ci sono state comunicazioni ufficiali dell’Istituto? Sono abituata a chiedere spiegazioni direttamente a chi di dovere. Questo genitore, peraltro da me già ricevuto in passato, non ha nemmeno provato a chiedere un incontro chiarificatore in cui tutte le sue paure infondate sarebbero certamente state fugate”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti