Commenta

Punto Nascite, i sindacati
confermano la protesta a Milano
davanti a Palazzo Lombardia

La decisione della chiusura "per il sindacato rappresenterebbe un importante fallimento delle azioni della politica territoriale e della ASST Cremona, con un’inevitabile ricaduta sui cittadini del territorio Casalasco - Viadanese".
Foto di repertorio

MILANO – Le organizzazioni sindacali confederali e del pubblico impiego della provincia di Cremona saranno in presidio a Milano giovedì prossimo, 28 giugno, dalle ore 14,30 davanti a Palazzo Lombardia durante la riunione della Giunta regionale, per protestare contro la chiusura del Punto Nascite del Presidio ospedaliero Oglio Po, sottoposto ad un progressivo depotenziamento che i sindacati denunciano ormai da oltre quattro anni alle Direzioni Generali che si sono susseguite e agli Amministratori Locali, segnalando la necessità di interventi urgenti.

La notizia che Regione Lombardia aveva intenzione di deliberare la chiusura del Punto Nascite nella giunta Regionale prevista proprio per il 28 giugno, è stata resa nota al sindacato, ai cittadini e ai professionisti presenti durante il Consiglio Comunale di Casalmaggiore convocato con urgenza venerdì 22 giugno, che ha deliberato a maggioranza in favore del mantenimento della struttura. Per il sindacato rappresenterebbe un importante fallimento delle azioni della politica territoriale e della ASST Cremona, con un’inevitabile ricaduta sui cittadini del territorio Casalasco – Viadanese. Per questo le organizzazioni sindacali di Cremona, con il sostegno dei sindacati confederali regionali, manifesteranno giovedì alle 14.30 sotto Palazzo Lombardia e hanno già fatto pervenire all’Assessore regionale al Welfare Giulio Gallera la richiesta di un incontro urgente.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti