Commenta

Spacchettamento di Trenord,
Degli Angeli (M5S) scettico:
"Regione ammette sue colpe"

"Ovviamente attendiamo di leggere il piano nero su bianco - spiega Degli Angeli - sulla gestione separata sono molti i dubbi del M5S e non vorremmo si rivelasse una soluzione tampone".

MILANO – “Trenord è il Titanic della Lombardia, doveva essere un modello vincente da esportare in tutte le regioni, ha distrutto il trasporto pubblico in Lombardia. Formigoni e Cattaneo peggio di così non potevano fare. Oggi è stato scritta in modo chiaro l’ammissione di colpevolezza da parte della maggioranza che da più di 2 decenni governa Regione Lombardia”, così Marco Degli Angeli, consigliere regionale del M5S Lombardia, commenta le parole del Presidente della Lombardia Attilio Fontana sul futuro del trasporto pubblico in Lombardia.

“Ovviamente attendiamo di leggere il piano nero su bianco – spiega Degli Angeli – sulla gestione separata sono molti i dubbi del M5S e non vorremmo si rivelasse una soluzione tampone. Il trasporto lombardo merita soluzioni strutturate di lungo periodo. Al momento non è chiaro come si spartiranno servizi e tratte Trenitalia e FS e ci preoccupa il futuro dei lavoratori di Trenord. Cambiare tutto per non cambiare niente? Speriamo che non sia così. Con la separazione viene meno anche il presunto investimento di Regione Lombardia Lombardia in 160 nuovi treni, un investimento-propaganda di Maroni a cui non credevamo perché non aveva coperture a bilancio. Non è per nulla chiaro come farà FS a rinnovare in poco tempo una flotta colabrodo che ha oltre 40 anni e che già ora, garantisce ai pendolari solo disservizi, cancellazioni e ritardi. Fulcro dell’azione di Governo di Fontana deve essere l’interesse dei pendolari e dei viaggiatori e il rilancio del trasporto pubblico in Lombardia. Formigoni prima e Maroni  poi, non hanno cavato un treno dal buco e a pagare per avere un servizio da quarto mondo sono stati i cittadini lombardi”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti