Commenta

Roncadello, tetto a fuoco:
quattro indiani in ospedale
a causa di un cortocircuito

I primi ad arrivare, anche per la vicinanza, sono stati i Vigili del Fuoco di Viadana, ma subito si è reso necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco volontari di Piadena-Drizzona, senza dimenticare un mezzo giunto da Mantova e due da Cremona.

RONCADELLO (CASALMAGGIORE) – E’ stato probabilmente un corto circuito la causa scatenante l’incendio che ha fatto intervenire a Roncadello, frazione di Casalmaggiore al confine con il comune di Viadana, ben cinque mezzi dei Vigili del Fuoco, oltre a una pattuglia della Polstrada di Casalmaggiore e a una dei Carabinieri di Rivarolo del Re.

Non sono mancati nemmeno i mezzi di soccorso, con due ambulanze della Padana Soccorso, anche se per fortuna per le quattro persone che si trovavano all’interno dell’immobile i problemi sono stati limitati e l’intervento dei sanitari è servito soprattutto a controllare che gli stessi non rischiassero una intossicazione da fumo. Per questo motivo due uomini e due donne, tutti di origine indiana – si tratta del proprietario dell’appartamento assieme ai suoi genitori e alla nonna – sono finiti in ospedale all’Oglio Po per accertamenti. L’odore acre, in effetti, arrivando da Casalmaggiore, si poteva sentire chiaramente anche tre ore dopo l’inizio dell’incendio, che si è sprigionato attorno alle 20.30 di mercoledì sera e ha consumato parte del tetto dell’abitazione che si trova in fregio alla strada Castelnovese, all’incrocio con via Federici, non lontano dall’azienda Disraeli. A fare propendere per il corto circuito come causa scatenante, il fatto che la televisione si sia spenta improvvisamente poco prima che le fiamme iniziassero a invadere il soffitto in legno.

I primi ad arrivare, anche per la vicinanza, sono stati i Vigili del Fuoco di Viadana, ma subito si è reso necessario l’intervento anche dei Vigili del Fuoco volontari di Piadena-Drizzona, senza dimenticare un mezzo giunto da Mantova con l’autoscala e due mezzi da Cremona. La strada, per chi arrivava da Casalmaggiore in direzione Viadana, è stata cinta, sul lato destro, da segnaletica a terra con piccoli fuochi controllati, per costringere gli automobilisti in arrivo, per fortuna pochi data l’ora tarda pur essendo quella un’arteria molto trafficata, a rallentare dato che un mezzo dei Vigili del Fuoco ha occupato proprio la stessa carreggiata di destra nelle operazioni. Il traffico, proprio perché limitato, non ha subito particolari ripercussioni, mentre i Vigili del Fuoco hanno lavorato per valutare l’agibilità dell’abitazione con i muri esterni in parte anneriti dal propagarsi delle fiamme, per fortuna domate in un tempo tutto sommato limitato.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti