Commenta

Ottava discesa del Po, presentazione
in comune a Casalmaggiore
per l'iniziativa del 9 settembre

Stiamo lavorando per la valorizzazione del grande fiume - ha spiegato il sindaco Filippo Bongiovanni - e un'iniziativa come questa serve a porre sempre temi. Il comune di Casalmaggiore ha già altre azioni programmate"

CASALMAGGIORE – Un tempo era Umberto Chiarini a battersi per una diversa e più concreta politica ambientale. Non erano solo parole le sue. Perché concretamente Umberto era uomo d’azione. Sempre in prima linea, sempre pronto a metterci la faccia e le braccia. Era il suo fiume, la sua terra il suo particolare interesse quando ancora i verdi erano verdi accesi e non sbiaditi e le manifestazioni – che fossero contro le centrali o le autostrade – si facevano davvero.

Quella delle centrali fu la sua ultima battaglia. Una delle sue ultime apparizioni fu in piazza Garibaldi, all’indomani della vittoria di un referendum che minò in maniera definitiva ogni tentativo di portare avanti una politica energetica legata all’energia nucleare. “Abbiamo vinto” aveva ripetuto con orgoglio in quella piazza dove trionfavano le bandiere di fieri combattenti. Aveva vinto lui.

Ora che Umberto non c’è più c’è il figlio Damiano a perpetrarne la memoria. E c’è la discesa del Po, giunta alla ottava edizione, a ribadire che quella spinta ad un mondo migliore, partendo da quello che abbiamo intorno, è ancora di stretta attualità. E’ ancora una battaglia da portare avanti con decisione. Più movimentista il padre, più pragmatico il figlio ma l’intento, e soprattutto lo spirito è lo stesso.

“Eravamo in pochi delle canottieri alla prima edizione – ha rammentato Simone Raineri, olimpionico e testimonial dell’iniziativa – ora il movimento è cresciuto”. Tanti i comuni che hanno dato il patrocinio all’iniziativa presentata questa mattina in comuna a Casalmaggiore, tante le associazioni che fanno parte dell’idea di un progetto complessivo teso alla valorizzazione del fiume e del territorio. Qualcosa, invero, si è mosso. Forse è ancora poco, ma è pur sempre un inizio.

“Stiamo lavorando per la valorizzazione del grande fiume – ha spiegato il sindaco Filippo Bongiovanni – e un’iniziativa come questa serve a porre sempre temi. Il comune di Casalmaggiore ha già altre azioni programmate per il futuro, inoltre stiamo lavorando insieme agli altri comuni per il riconoscimento MAV Unesco. Grazie a voi per quello che fate”.

Anche il sindaco di Gussola, Stefano Belli Franzini, ha ribadito l’importanza di non lavorare solo sull’emergenza, ma di guardare al futuro e alle potenzialità che anche il fiume può offrire a livello turistico. Non solo VenTo, ma partendo da quello il primo cittadino ha ribadito la centralità della riscoperta della vocazione turistica di un territorio ricco di potenzialità.

Stessi concetti poi ribaditi dal vice sindaco di Viadana Cavallari e da quello di Boretto Benassi.

Tra le cose – non positive – da ricordare, l’interruzione del progetto Magana del Po con i rilevamenti relativi alle acque del fiume: “Al momento – ha ricordato Damiano Chiarini – la Magana si è insabbiata. Serve un impegno di tutti, perché un’associazione da sola non può fare tutto il lavoro. Speriamo di intercettare qualche bando per poterla riproporre”. Stessa questione sulla Carta del Po. Pochi i comuni (tra cui Casalmaggiore) che si sono impegnati in quanto sottoscritto. “Al momento – ha chiosato Chiarini – abbiamo raccolto due moduli”.

Il rispetto del fiume e della golena, come ha giustamente ricordato il sindaco di Gussola, non è solo una questione di politica: “Ogni giorno in golena assistiamo alla malcuranza del territorio, e le amministrazioni in questo non c’entrano nulla. E’ facile prendersela con le amministrazioni, ma poi tra discariche, bracconaggio e tutto il resto ci si accorge che non sono le amministrazioni, ma è il senso civico, la comunità che manca”.

Le iniziative previste sono molte. Si partirà da mercoledì 5 settembre, con il convegno “PONTI: QUALE FUTURO PER IL TERRITORIO?” alle ore 18 sulla Motonave Stradivari – porto turistico Boretto RE. Ancora in via di definizione i relatori, ma sembra certa la partecipazione di un referente di alto livello istituzionale.

Il 9 settembre al via la discesa del fiume. Percorsi in bicicletta prevalentemente sugli argini del Po, percorso sul fiume con qualsiasi tipo di imbarcazione.

E’ richiesta l’iscrizione, possibile iscriversi alla partenza, quota minima contributo € 2,00 (due). A tutti i partecipanti verrà consegnata una spilla come ricordo dell’evento.

BARCA TURISTICA -20 posti-

PARTENZA POLESINE (PR)

Ore 8:00 Polesine (PR), 8:30 Isola Pescaroli (CR), 9:00 Stagno di Roccabianca (PR), 9:15 Torricella Parmense (PR), 9:45 Sacca di Colorno (PR), 10:00 Casalmaggiore (CR), 11:00 Mezzani (PR), 12:30 Viadana (MN) Contributo trasporto 10 €

BARCA TURISTICA PADUS -60 posti-

PARTENZA CASALMAGGIORE CR

Ore 9:30 imbarco, Ore 10:00 -partenza Lido Po Casalmaggiore (CR), 11:00 Breve sosta senza attracco a Mezzani (PR), 12:30 arrivo a Viadana (MN). Contributo trasporto 10 € adulti e 5€ bambini

Prenotazioni imbarcazioni turistiche inviando mail a persona.ambiente@libero.it indicando nome e cognome dei partecipanti e recapito telefonico, oppure telefonando al 340.0003867 (Tiziano) oppure 333.7622768 (Damiano)

CICLISTI PARTENZA SACCA di COLORNO (PR) 28 Km

Ore 9:45 – Lido Po di Sacca di Colorno (PR), 11:00 aperitivo porto turistico di Mezzani (PR), ore 12:30 arrivo a Viadana

CANOE E BARCHE A REMI 15 Km

PARTENZA CASALMAGGIORE CR

Ore 10:00 Lido Po Casalmaggiore (CR), 11:00 porto turistico di Mezzani (PR) e/o spiaggione di Fossacaprara (CR), 12:30-13:00 arrivo a Viadana (MN)

CICLISTI PARTENZA GUSSOLA (CR) 24 Km

Ore 9:00 Piazza di Gussola Ore 9:30 Piazza di Martignana Ore 10:00 arrivo a Casalmaggiore Lido PO e prosecuzione itinerario fino a Viadana

CICLISTI PARTENZA CASALMAGGIORE (CR) 16 Km

Ore 10:00 Lido Po Casalmaggiore, argine maestro fino a Fossacaprara, percorso in golena fino a spiaggione. Alcuni tratti con sabbia, bici a mano. Rinfresco, a seguire via Alzaia fino a Roncadello, argine maestro fino a Viadana. Arrivo ore 12:00

CICLISTI PARTENZA GUASTALLA (RE) 15 Km

Ore 10:30 Lido Po Guastalla (RE), Via Alzaia, 11:30 Lido di Boretto (RE), 12:30 Viadana (MN)

CICLISTI PARTENZA DOSOLO (MN) 13 Km

Ore 10:00 – partenza, 10:30 Pomponesco con sosta in p.zza e rinfresco, attraversamento Garzaia e via Alzaia fino a Viadana. Alcuni tratti con sabbia, bici a mano.

ARRIVO è previsto per le ore 12:30 a Viadana località ponte vecchio.

Programma pomeriggio:

Ore 12:30 – arrivo a Viadana (MN) località Gruppo Canoe Viadana in riva il fiume- Pranzo con i banchi Local Food, intrattenimento musicale con i NEMA PROBLEMA ORKESTAR

NON è fornito il servizio di rientro bici/pedoni da Viadana. Per eventuali esigenze ci si organizza all’arrivo chiedendo un passaggio. (Nessuno è mai rimasto a piedi…). Possibilità uso docce all’approdo, presso Gruppo Canoe Viadana. Per il recupero imbarcazioni rivolgersi a Canottieri Amici del PO tel 0375.43502 info@amicidelpo.org. Possibilità di Campeggio per canoisti presso la Polisportiva Amici del PO di Casalmaggiore per chi arriva il sabato.

 

A tutte le iniziative si collega quella del Milarepa, presentata da Paolo Bocchi. Alle 18, dunque di rientro da Viadana, nel parco Lido Po una seduta di Yoga aperta a tutti e totalmente gratuita. Previste anche sessioni di Tai Chi e Pilates. Info: 0375200845 – 3202958388.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti