Commenta

Trasporto scolastico,
anche il Pd attacca la giunta:
"I soldi, se vogliono, li trovano"

“Per le famiglie Viadanesi che vogliono portare i bambini a Dosolo - conclude il Pd viadanese - l’amministrazione che correttamente non può organizzare pullman su altri comuni, non può lavarsene le mani".

VIADANA – “Siamo molto preoccupati su quanto accaduto in questo inizio anno scolastico indice di poca attenzione nei confronti delle famiglie da parte dell’amministrazione Viadanese, e riteniamo assurdo nascondersi sempre dietro la scusa che non ci sono soldi quando invece se si trovano le risorse per pagare le penali per l’estinzione anticipata di mutui, riteniamo che sia prioritario e doveroso trovare le risorse per fornire servizi che per alcune famiglie sono vitali”.

Così il Partito Democratico di Viadana entra nella questione scuolabus, attaccando l’amministrazione e di fatto affiancando la posizione del 5 Stelle sul tema. “Già l’amministrazione nell’ultimo consiglio comunale si era rifiutata di stanziare risorse come da nostra mozione per le scuole le attività didattiche delle 7 scuole materne di Viadana. Martedì 11 si svolgerà il consiglio comunale richiesto da tutte i consiglieri di opposizione per chiedere alla maggioranza che sia attivato e finanziato il dopo scuola, speriamo che in questo caso l’amministrazione accolga la richiesta di diverse famiglie Viadanesi che hanno assolutamente bisogno di questo servizio. Concordiamo con la posizione dei 5 Stelle, quando dicono che l’amministrazione non può chiudere gli occhi su 27 famiglie, risultato di un non dialogo con loro”.

“Per le famiglie Viadanesi che vogliono portare i bambini a Dosolo – conclude il Pd viadanese – l’amministrazione che correttamente non può organizzare pullman su altri comuni anche per un motivo di tutela delle nostre scuole, non può lavarsene le mani ma deve intervenire perché si trovi una soluzione per loro, dialogando anche con le amministrazioni dei comuni vicini che a loro volta non possono promettere qualcosa che poi non possono mantenere perché ci viene da pensare che il tutto sia stato fatto per indebolire le scuole di Casaletto e San Matteo per riprovare a portare la sede della dirigenza a Dosolo. Stessa cosa per le famiglie di Cicognara, dove l’amministrazione deve intervenire e trovare una soluzione”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti