Commenta

Marcaria, Simonazzi critica
la giunta sul trasporto scolastico:
"Così nostre scuole perdono appeal"

"Approvare oggi una convenzione che porta fuori dal nostro Comune degli studenti, farla gratuita e addirittura per 3 anni ci sembra fuori luogo e insensato rispetto al momento di difficoltà che attraversano le nostre scuole”.

MARCARIA – Nell’ultimo Consiglio Comunale la maggioranza consiliare a guida Malatesta ha approvato la convenzione gratuita con l’Unione dei Comuni “Unione delle Torri” per trasportare gli studenti residenti a Marcaria nelle scuole di Gazoldo degli Ippoliti, quindi nelle scuole fuori Comune ma anche fuori dall’istituto Comprensivo. “Fatta salva la libertà di ogni genitore di scegliere dove iscrivere i propri figli – commenta Stefano Simonazzi, consigliere di minoranza – crediamo che in un momento come questo, in cui le nostre scuole hanno seri problemi di numero di bambini iscritti, questo tipo di convenzioni vada rivisto e sicuramente ripensato. La primaria di Gabbiana ha appena visto iniziare l’anno scolastico senza l’avvio della classe prima, la media di Campitello ha visto un numero di iscritti alla prima di 36 studenti a fronte di un’uscita dalla classe quinta elementare dell’anno scolastico passato di 47 studenti, questo significa che le famiglie di 11 ragazzi hanno deciso di non iscrivere i propri figli alle medie di Campitello”.

“Per far tornare le famiglie ad iscrivere i propri figli nelle scuole del Comune, come naturale dovrebbe essere – prosegue Simonazzi – sappiamo che serve un’offerta formativa e una qualità tale da non mettere in discussione questa scelta. Da sempre sosteniamo che l’Amministrazione debba farsi promotrice in prima persona proponendo all’Istituto Comprensivo, nei tavoli di discussione preposti, miglioramenti del percorso formativo che possano essere accattivanti e incentivanti per i ragazzi e le loro famiglie. Le scuole del Comune hanno personale validissimo che sarebbe pronto a sostenere nuove sfide per implementare l’offerta dei nostri plessi. Alcune proposte le abbiamo avanzate in Consiglio Comunale ma ovviamente, se anche dovessero essere accolte dall’Amministrazione, servirà tempo per mettere a regime il tutto e poterne quindi vedere i risultati. Siamo quindi preoccupati che il tutto possa concretizzarsi quando altre scuole del nostro territorio abbiamo già incontrato gravi difficoltà di iscritti tale da metterne in crisi il mantenimento. Approvare oggi una convenzione che porta fuori dal nostro Comune degli studenti, farla gratuita e addirittura per 3 anni ci sembra fuori luogo e insensato rispetto al momento di difficoltà che attraversano le nostre scuole”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti