Commenta

Piano Diritto allo Studio,
Cavatorta al Pd: "Nessuna critica
da chi ha indebitato Viadana"

"Nei tre anni e mezzo della mia amministrazione - conclude Cavatorta - abbiamo estinto tra obbligatori e per nostra volontà chiuso 5 milioni di mutui, a cui aggiungo 4,5 di mutui che gravavano sulla Stu (altra invenzione Pd)".

VIADANA – “Sono costretto a replicare al Pd che dice che preferiamo chiudere i mutui piuttosto che pensato al futuro (con riferimento al Piano Diritto allo Studio)”. A parlare è il sindaco di Viadana Giovanni Cavatorta. “Parliamo di un piano da 1,5 milioni di euro tra i maggiori della provincia – spiega il primo cittadino – di come onoriamo tutti gli impegni alle fasce deboli (più di 400.000 euro di assistenza ad personam per i bambini e ragazzi che hanno bisogno di aiuto, trasporto protetto, trasporto scolastico con 7 linee e più di 600 ragazzi trasportati al giorno, e tutti gli altri servizi che copriamo per il 70% con fondi comunali e solo il 30% a carico degli utenti”.

“Abbiamo previsto attività integrative – prosegue Cavatorta – a costi contenuti come visite e interventi di educazione civica e visite alle istituzioni locali, non dimenticando le attività del nostro Muvi con attività della biblioteche (letture, laboratori), museo con attività multimediali, ecomuseo (visite e laboratori) e non solo. Non mi voglio ripetere ma non c’è peggior sordo chi chi non voglia sentire. A maggior ragione rispedisco al mittente le accuse legate al fatto che preferiamo estinguere mutui e quindi guardare al passato piuttosto al futuro. Infatti per noi è punto di onore e buona amministrazione chiudere mutui che hanno aperto le amministrazioni di centrosinistra del passato in maniera allegra senza pensare a chi sarebbe venuto poi, indebitando i viadanesi”.

“Nei tre anni e mezzo della mia amministrazione – conclude Cavatorta – abbiamo estinto tra obbligatori e per nostra volontà chiuso 5 milioni di mutui, a cui aggiungo 4,5 di mutui che gravavano sulla Stu (altra invenzione Pd) per un totale di 9,5 milioni di euro di debito che abbiamo alleggerito dalle tasche dei viadanesi. Ne siamo orgogliosi e lo ribadiremo. Loro ci hanno indebitati, noi liberiamo i cittadini dai debiti. Senza far mancare servizi sociali e scolastici ottimi facendo di Viadana un ottimo comune dove studiare e vivere”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti