Commenta

Scontro mortale con cinghiali
in autostrada. Le minoranze in
Regione: "Rolfi in grave ritardo"

"Sappiamo bene che la situazione non è di facile risoluzione, ma fino ad ora la Lega si è soffermata sull'obbligo di indossare giubbini colorati per i cacciatori e ha aumentato il periodo di caccia per la volpe" dice Piloni del Pd. Critico anche il Movimento 5 Stelle.

MILANO – “Di fronte all’ennesimo – e questa volta purtroppo gravissimo – incidente, ci chiediamo quando la Regione intenda procedere per attuare al più presto una legge apposita per gestire e contrastare quella che è a tutti gli effetti una vera e propria emergenza”.

E’ dispiaciuto e molto preoccupato il consigliere regionale del PD Matteo Piloni, capogruppo in commissione Agricoltura, dopo la tragica notizia dell’incidente avvenuto giovedì mattina nel tratto autostradale tra Lodi e Casalpusterlengo, quando un branco di cinghiali ha improvvisamente attraversato la carreggiata, causando un incidente mortale. Un problema, quello dei cinghiali in attraversamento, che il Casalasco conosce bene, specie nella zona tra San Giovanni in Croce, Martignana di Po e Gussola.
“La Regione Lombardia, purtroppo, è in ritardo sull’attivazione delle procedure per contrastare la proliferazione – dice Piloni che, attraverso numerosi interventi, si è impegnato su questo tema costantemente, da quando è stato eletto in Consiglio regionale – a partire dai piani di zonizzazione che dovevano essere approvati nel gennaio 2018 e che invece sono stati approvati a luglio. A questo punto, la giunta lombarda aveva a disposizione 90 giorni per l’individuazione delle modalità di gestione sull’intero territorio regionale, ma ad oggi non ha ancora provveduto ad attuare i piani. Un ritardo davvero ingiustificato che nulla ha a che vedere con la sentenza della Corte costituzionale a cui ha fatto riferimento l’assessore Rolfi”.

“Solo un paio di settimane fa, durante l’approvazione del bilancio, la Giunta ha approvato due nostri ordini del giorno su questo tema – spiega il consigliere dem -. Uno invita la giunta a stanziare fondi e attuare al più presto i piani di gestione, così come previsto dalla legge regionale approvata lo scorso anno, per permettere un più efficace contrasto alla proliferazione dei cinghiali. Con l’altro si impegna invece la Regione a sostenere le province per il personale dedicato alla vigilanza venatoria”.

“Sappiamo bene che la situazione non è di facile risoluzione, ma fino ad ora la Lega si è soffermata sull’obbligo di indossare giubbini colorati per i cacciatori e ha aumentato il periodo di caccia per la volpe – dice Piloni – Le priorità non sono certo queste e servono misure efficaci e immediate. Non solo il rispetto delle norme previste, ma anche un intervento a livello nazionale per un fondo che chiediamo da tempo anche per le nutrie, ma di cui ad oggi non abbiamo ancora notizia”. “La Regione deve assolutamente mantenere gli impegni assunti, noi non ci stancheremo di insistere e il nostro impegno non si fermerà certo qui”  conclude il consigliere dem.

“Siamo sgomenti per il terribile incidente avvenuto sulla A1 – aggiunge Marco Degli Angeli, consigliere del Movimento 5 Stelle, altra forza di minoranza in Regione – . Il M5S Lombardia si era mosso per tempo per denunciare il numero crescente di ungulati in Lombardia e l’urgenza di controlli. Nel dicembre scorso è stata discussa una nostra interrogazione in Commissione Agricoltura che chiedeva espressamente quali azioni Regione Lombardia intendesse mettere in atto per contenere gli ungulati. Auspicavamo un controllo maggiore delle popolazioni e investimenti per l’installazione di dispositivi di protezione e dissuasione al passaggio degli animali”.

“L’Assessorato regionale – sottolinea Roberto Cenci, altro consigliere regionale M5S – conosceva il problema e avrebbe dovuto intervenire per tempo. Il nostro allarme non ha ottenuto sufficiente attenzione da Regione Lombardia. La politica si deve muovere per prevenire le tragedie e salvaguardare la vita umana che viene prima di tutto. Ci attendiamo che le politiche di contenimento che abbiamo richiesto siano attuate nell’immediato”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti