Commenta

La Contea di Pomponesco è
un gioiello, le parole
di Giuseppe Baruffaldi

Cose uniche che la Contea di Pomponesco mette sempre in bella mostra, non per ultimo il presepe in chiesa, semplice, ma significativo: questo è il risultato di cui vado fiero di appartenere ai Borghi più Belli d'Italia

POMPONESCO – Al termine – o quasi, manca solo l’Epifania – delle feste natalizie, il sindaco di Pomponesco Giuseppe Baruffaldi ha voluto scrivere una lettera per parlare del suo paese. Questo il testo: “Mentre cala il sipario sulle feste natalizie, di capodanno e prima dell’epifania, l’amico Valli Antenore mi fa dono delle foto scattate in questo periodo e come Sindaco voglio evidenziare quanto di bello si è visto e si può ancora ammirare nella Contea di Pomponesco e rispecchia le parole di un sognatore, “sogno o son desto” sono in piazza a Pomponesco, meglio conosciuta come la bomboniera della Val Padana.

Con i modestissimi mezzi messi a disposizione confermo che Pomponesco non è secondo a nessuno dei comuni limitrofi; lo dico con orgoglio perché quello che ammirate a Pomponesco fa veramente la differenza dove fa bella mostra nella gonzaghesca piazza l’albero maestoso con le luminarie poste al posto giusto, i portici contornati di luci e le luci della piazza opportunamente ombreggiate per l’occasione, il maestoso presepe (mt.8,30 di lunghezza per mt.4,20 di altezza) incastonato nella cornice della piazza fa da sfondo, il portico e le palme che ti danno il senso reale di una scultura ricavata nell’acciaio.

Cose uniche che la Contea di Pomponesco mette sempre in bella mostra, non per ultimo il presepe in chiesa, semplice, ma significativo: questo è il risultato di cui vado fiero di appartenere ai Borghi più Belli d’Italia.

Tutto questo è grazie all’infaticabile Brozzi Francesco presidente Pro Loco, coadiuvato da Zanoni Fabio e Antonio Dell’isola e un superlativo ringraziamento a Carpi Adelmo, meglio conosciuto come Carpencar, che ha realizzato e donato il presepe in acciaio corten, un grazie a nome di Don Davide a Elia Coppi, Rossi Ivano, Ferrari Roberto e Matteo, Matteo Bellingeri e collaboratori vari: Margini Andrea e Tortella Alessandro, Sanfelici Nicola, Bellini Luigina e l’azienda agricola Salicata di Zanitoni Mauro.

Poi come Sindaco ho avuto l’onore di fare da testimone il giorno di Natale al marinaio Alex Germani che con la benedizione di Don Davide Barili e la consegna della sciabola da parte della mamma (come vuole la tradizione) all’Aspirante Guardia Marina Alex Germani ha coronato un altro passo nella sua intraprendente carriera.

Oserei dire non mi sono fatto mancare nulla in queste feste. Non mi resta che ringraziare voi addetti ai lavori della carta stampata, per le vostre informazioni e opinioni, grazie per la pubblicazione e di quanto ho evidenziato, un augurio e un caloroso abbraccio col cuore di un sereno e felice 2019 che sia ricco di ogni piacevole avvenimento per tutti”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti