Commenta

Il Fair Play al Sanfelice: a Viadana
la cultura delle buone maniere
promossa tra gli studenti dell'ITE

Il legame fra l'Istituto e il Panathlon è avvenuto grazie al prof. Stefano Ventura, in qualità di docente di Scienze Motorie della scuola e di vincitore del premio Fair play offerto dalla società Panathlon.

VIADANA – Gli studenti dell’ITE di Viadana dal mese di gennaio fino a marzo hanno goduto della possibilità di esercitarsi nei più alti valori dello sport grazie al ‘Progetto fair play’ promosso dall’associazione ‘Panathlon Casalmaggiore Oglio Po Parma’ in collaborazione col Miur.

I ragazzi hanno lavorato in aula e in palestra, sia conoscendo il Panathlon International e la sua storia, sia tenendo alto l’ideale sportivo e i valori morali e culturali a esso legati (in questo contesto, si parla anche di Carta dei doveri dei genitori e Carta dei diritti del ragazzo), praticando vari sport di squadra e valutano i compagni grazie a tabelle descrittive che indicano azioni positive, come ammettere l’errore e offrire incoraggiamenti. Si tratta di sperimentare i criteri del fair play da adottare nei giochi di squadra, rivestendo i ruoli di giocatori e valutatori e mettendosi nei difficili panni di chi agisce, ma anche di chi valuta le azioni.

Il legame fra l’Istituto e il Panathlon è avvenuto grazie al prof. Stefano Ventura, in qualità di docente di Scienze Motorie della scuola e di vincitore del premio Fair play offerto dalla società Panathlon.

Naturalmente i temi su cui si è lavorato in questi mesi resteranno vivi anche nel restante anno scolastico, osservati e sperimentati in altre occasioni di gioco di squadra: porgere il saluto alla squadra avversaria, offrire il giusto incoraggiamento ai compagni, così come altri comportamenti vòlti ad atteggiamento positivo e corretto resteranno obiettivi da perseguire fino a giugno. Addirittura, alla fine dell’anno lo studente/la studentessa migliore riceverà il ‘Premio fair play’ a Mantova, quando verranno riconosciuti anche i classificati ai campionati studenteschi cui l’Istituto ha preso parte.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti