Commenta

Busi, alcuni dipendenti: "Peggior
gestione di sempre. E il sindaco non
ci usi per la campagna elettorale"

"Ricorderemo questo quinquennio come il più nero nella storia della fondazione Busi e vogliamo quindi esprimere un sincero ringraziamento all’amministrazione uscente. E il sindaco, mai presente, non ci usi per la campagna elettorale".

CASALMAGGIORE – E’ una lettera infuocata, quella che un gruppo di dipendenti della Casa di Riposo Busi di Casalmaggiore scrive in risposta al presidente del Cda Franco Vacchelli e in parte anche al sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni: “Ebbene sì – si legge – . Siamo giunti ai momenti dei saluti. Ricorderemo questo quinquennio come il più nero nella storia della fondazione Busi e vogliamo quindi esprimere un sincero ringraziamento all’amministrazione uscente. Grazie per aver scelto di investire soldi nella ristrutturazione della fondazione ormai datata e bisognosa di attenzioni quali ad esempio: infissi-impianto centralizzato di riscaldamento, condizionamento e risistemazione dell’impianto idrico, solo per citarne alcuni. Grazie di aver scelto cibo di qualità e un ottimo servizio di la lavanderia per i residenti in RSA. Grazie per aver motivato e valorizzato il personale dipendente scegliendo di non applicare contratti sminuenti. Grazie per averci sempre fornito di calzature e divise”.

“Ovviamente tutto questo in FORMA IRONICA – scrivono i dipendenti – una cosa pero vogliamo dirvi con estrema serietà. I Dipendenti sono la più grande risorsa per una società, sono la spina dorsale di ogni organizzazione. “Abbi cura dei tuoi dipendenti e loro si prenderanno cura della tua azienda”, perché essi sono una risorsa e non un costo a bilancio o peggio ancora ZOMBIE come da voi definiti nelle vostre dichiarazioni pubbliche. E per finire vogliamo ringraziare anche il Sindaco per non essersi mai preoccupato di intervenire e di ascoltarci. Mai una sola volta è venuto a fare visita alla fondazione per realizzare in prima persona quello che stava accadendo. Ora però non sprechi parole per strumentalizzarci nella sua campagna elettorale. Ci farebbe solo ridere e creda di ridere non ne abbiamo proprio voglia”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti