2 Commenti

Pileri a Casalmaggiore per
Vento e Cascina Sereni: "Ottima
idea, il Casalasco nel progetto"

Invitato da Carlo Stassano, presidente dell’Atletica Interflumina, Pileri mercoledì ha visitato Cascina Sereni, ossia la cascina in zona golenale, di fronte alla chiesa di Santa Maria a Vicobellignano, che potrebbe diventare un vero e proprio ostello. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

CASALMAGGIORE – Una speranza perché la ciclovia Vento, la Venezia-Torino che può rivoluzionare la mobilità dolce in tutto il Nord Italia, non tagli fuori il territorio Casalasco e quello Cremonese. Paolo Pileri, professore del Politecnico di Milano, con alcuni dei suoi studenti che credono in questo progetto e lo hanno perfezionato, ottenendo finalmente finanziamenti dal Ministero delle Infrastrutture, sta facendo avanti e indietro su questa grande ciclovia praticamente da tre anni in modo quasi ininterrotto.

A Casalmaggiore Pileri già era stato, ma pochi mesi fa si era parlato di una prospettiva poco felice per il nostro territorio, che rischiava di essere tagliato fuori da Vento, con un passaggio sulla sponda emiliana del fiume Po, che avrebbe di fatto reso meno appetibile il tratto casalasco e cremonese dei vari argini ciclabili.
Invitato da Carlo Stassano, presidente dell’Atletica Interflumina, Pileri mercoledì ha visitato Cascina Sereni, ossia la cascina in zona golenale, di fronte alla chiesa di Santa Maria a Vicobellignano, frazione di Casalmaggiore, che potrebbe diventare un vero e proprio ostello sia per i giovani e gli sportivi, ma anche per i turisti che sfruttano la bicicletta per muoversi lungo la Vento.

Insomma una struttura ricettiva in piena regola, in una zona davvero affascinante e immersa nella natura. Oltre a spendersi in favore dei questa struttura, Pileri ha precisato che Vento crescerà piano piano… “Quel che conta è partire con la prima dorsale: ma dopo i lotti prioritari – ha spiegato Pileri – verrà tutto il resto, quando la struttura crescerà, specie dal punto di vista turistico. Per questo non bisogna mai smettere di domandarla, questa Vento”.

Erano presenti all’incontro sia il sindaco uscente Filippo Bongiovanni, ricandidatosi, sia il candidato che lo sfida Fabrizio Vappina. Con loro anche il vicesindaco Vanni Leoni, il consigliere Calogero Tascarella e alcuni candidati delle liste a sostegno dei due candidati, oltre a dirigenti dell’Atletica Interflumina che si stanno occupando proprio del progetto Cascina Sereni. Da Pileri l’invito a sfruttare la bellezza di piazza Garibaldi, spingendo eventualmente anche su una coraggiosa chiusura alle auto. Vento, il più grande progetto ciclabile finanziato in Italia con quattro regioni coinvolte e per il quale è previsto un incontro decisivo il 5 giugno a Roma, deve rimanere una priorità pure per il Casalasco e il Cremonese, come Pileri ha confermato, non escludendo il percorso a zig zag tra sponda lombarda ed emiliana. “Intanto è importante che vi siano iniziative sul territorio come quella di Cascina Sereni: dobbiamo creare strutture ricettive, che abbiano però soprattutto una funzione sociale”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti